NAVIGA IL SITO

Tod’s, le reazioni degli analisti ai conti

Non sono stati accolti in modo positivo i conti dei primi nove mesi dell’anno diffusi da Tod’s nel tardo pomeriggio di ieri. Molti tagli di valutazione e un downgrade completo

di Mauro Introzzi 14 nov 2013 ore 14:49
Non sono stati accolti in modo positivo i conti dei primi nove mesi dell’anno diffusi da Tod’s nel tardo pomeriggio di ieri. La società della famiglia Della Valle ha archiviato i primi tre trimestri dell’anno con un utile operativo di 168,5 milioni di euro, in leggero calo dai 169,7 milioni dello stesso periodo dello scorso anno. Sulle prospettive future i vertici di Tod’s hanno confermato le stime di crescita del fatturato e della redditività per i prossimi trimestri.

Ma evidentemente gli analisti si aspettavano qualcosa di meglio. Société Générale e Ubs hanno confermato la loro indicazione di vendita (“sell”). La prima ha abbassato il target price da 105 euro a 98 euro mentre la seconda ha confermato la valutazione di 101 euro per azione

Bocciatura piena, invece, da parte di Bank of America
, che ha peggiorato da “buy” (acquistare) ad “underperform” (farà peggio del mercato) il giudizio sulla società, sulla base di un nuovo prezzo obiettivo di 110 euro. Secondo il broker americano la società tratta ingiustificatamente a premio rispetto ai competitor di una percentuale compresa tra il 20% e il 25%.

MainFirst Bank, invece, ha confermato il giudizio “underperform”
(farà peggio del mercato) e il prezzo obiettivo di 103 euro. Ma ha anche tagliato le stime sull’utile per azione per il triennio 2013/2015, sulla possibilità che l’azienda non centri le attese per l’intero esercizio.
“Underperform” (farà peggio del mercato) confermato anche da Barlcays.
Che ha mantenuto un target price di 101 euro.

Gli esperti di Deutsche Bank hanno invece deciso di limare da 105 euro a 102 euro per azione la loro valutazione sulla società, confermando il giudizio “hold” (mantenere). Il broker evidenzia che i dati sono stati ben al di sotto delle sue aspettative e di quelle del consensus.
È “hold” anche il giudizio – confermato – da parte di Banca Akros.
L’istituto italiano ha comunicato che mantiene invariata la sua valutazione a 139,5 euro per azione.

Si mantiene decisamente positiva, infine, Citigroup,
che continua a consigliare l’acquisto (“buy”) della società sulla base di un prezzo obiettivo pari a 158 euro.

Tutte le ultime su: tods
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

L'anticipo del TFR: quanto e quando è possibile chiederlo

Il lavoratore può chiedere al datore di lavoro anche un anticipo del TFR (il Trattamento di Fine Rapporto) mentre ancora sta lavorando per lui. La richiesta deve essere presentata per iscritto

da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »