NAVIGA IL SITO

Tiscali cerca la redditività

Occhi puntati su Tiscali, dopo quanto scritto domenica da il Sole24Ore. Il gruppo fondato da Renato Soru sta ricercando un miglioramento della sua redditività

di Mauro Introzzi 15 ott 2012 ore 15:36
Occhi puntati su Tiscali, dopo quanto scritto domenica da il Sole24Ore nella consueta “Lettera all'investitore”. Il quotidiano economico ha messo in evidenza come il gruppo fondato da Renato Soru sta ricercando un miglioramento della sua redditività.

Secondo le indicazioni del Sole24Ore la società telefonica sarda dovrebbe chiudere l’esercizio in corso con ricavi per circa 245 milioni di euro, stima che si confronta con i 267,6 milioni realizzati lo scorso anno. La flessione del giro d’affari dovrebbe però essere funzionale a un forte recupero dei margini, con il gruppo che si focalizzerà sui business più redditizi. Il margine operativo lordo dovrebbe così crescere del 10%, mentre il risultato finale dovrebbe essere positivo per la prima volta nella storia della società. La tendenza è già stata delineata nel primo semestre, in cui i ricavi sono scesi a 118,5 milioni di euro dai 140,1 milioni di euro dello stesso periodo del 2011 e il margine operativo lordo è salito del 32,6%.

Grande attenzione anche al debito, che a fine agosto aveva raggiunto i 201,3 milioni di euro dai 193 milioni di euro di fine giugno. La prima scadenza da tenere sotto controllo, per Tiscali, sarà nel 2014, quando scadrà la tranche A del debito con le banche.

Da inizio ottobre Tiscali, e tutto il settore in generale, è in grandissimo fermento. Molti dei gruppi del settore sono indicati come possibili protagonisti di possibili operazioni di finanza straordinaria.

Tutte le ultime su: tiscali
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.