NAVIGA IL SITO

Tenaris maglia nera al FTSEMib. Deludono le indicazioni per il 2019

di Edoardo Fagnani 31 ott 2019 ore 17:36 Le news sul tuo Smartphone

tenaris-logo_1Vendite su Tenaris, dopo la diffusione dei risultati trimestrali e delle indicazioni per l'esercizio in corso; il titolo ha subito un calo del 3,29% a 9,054 euro e ha registrato la peggiore performance di giornata al FTSEMib.

Tenaris ha comunicato i risultati dei primi nove mesi del 2019, periodo chiuso con ricavi per 5,55 miliardi di dollari, lo stesso risultato ottenuto nel medesimo periodo dello scorso anno. In leggera flessione il risultato operativo, che si è ridotto da 693,13 milioni a 680,62 milioni di euro (-2%). L’utile netto è sceso del 9%, passando da 650,24 milioni a 590,91 milioni di dollari. I vertici di Tenaris prevedono che nel quarto trimestre del 2019 le vendite saranno influenzate da un calo dei prezzi di vendita e dal rallentamento dell'attività negli Stati Uniti e Argentina. Tuttavia, il management prevede di confermare la marginalità registrata nel terzo trimestre del 2019, agenda sulla leva dei costi. Per il 2020 Tenaris prevede una ripresa delle vendite oltre a un miglioramento della marginalità e della generazione di cassa, agenda sulla riduzione dei costi e sulla gestione del capitale circolante.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: tenaris

Guide Lavoro

Cos'è e come funziona Inarcassa

Inarcassa è la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per ingegneri e architetti che svolgono la loro attività come liberi professionisti e non godono di altra copertura assicurativa

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »