NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Telecom, i conti dei primi 9 mesi del 2015

Telecom, i conti dei primi 9 mesi del 2015

Telecom ha diffuso i conti relativi ai primi 9 mesi dell’anno. Il periodo si è chiuso con una contrazione di ricavi e utili. L'indebitamento sale a 26,8 miliardi

di Mauro Introzzi 6 nov 2015 ore 08:25

Nella giornata in cui ha annunciato la conversione delle azioni di risparmio in azioni ordinarie Telecom ha anche diffuso i conti relativi ai primi 9 mesi dell’anno. Il periodo si è chiuso con una contrazione di ricavi e utili.

TELECOM ITALIA: I CONTI DEI PRIMI 9 MESI DEL 2015

Telecom Italia ha chiuso i primi nove mesi del 2015 con un fatturato consolidato pari a 14,9 miliardi di euro, in riduzione rispetto ai primi nove mesi del 2014 del 6,9%, o del 3,9% in termini organici.
Il margine operativo lordo si è attestato a 5,6 miliardi di euro, in calo del 14,8% rispetto ai primi nove mesi del 2014 (del 13% in termini organici) e sconta l’impatto negativo di oneri netti non ricorrenti per complessivi 460 milioni di euro, in assenza dei quali la variazione della posta sarebbe risultata pari a un -4,8%. La marginalità è scesa dal 41,2% al 37,8%.

Il reddito operativo è stato pari a 2,8 miliardi di euro, in calo del 17,5% rispetto ai primi 9 mesi del 2014, o del 16,1% in termini organici. Il reddito operativo sconta l’impatto negativo di oneri netti non ricorrenti per complessivi 124 milioni di euro, in assenza dei quali la variazione del reddito operativo sarebbe risultata pari a un -9,4%.

In deciso calo anche l’utile netto, che è sceso da 985 milioni a 362 milioni di euro.
L’ultima riga del conto economico sconta anche l’impatto negativo delle operazioni di riacquisto delle obbligazioni proprie effettuate nella prima parte dell’anno.

TELECOM ITALIA: TERZO TRIMESTRE 2015
Il terzo trimestre si è chiuso con ricavi pari a 4,78 miliardi di euro, dai 5,43 dello stesso quarter del 2014. Il margine operativo lordo è sceso da 2,24 a 1,98 miliardi mentre il reddito operativo è passato da 1,17 a poco più di un miliardo di euro. L’utile del periodo si è attestato a 333 milioni di euro, dai 442 milioni di 12 mesi prima.

TELECOM ITALIA: AGGREGATI PATRIMONIALI A FINE SETTEMBRE 2015

A fine settembre, l’indebitamento netto rettificato era salito a 26,8 miliardi di euro, dai 26,65 miliardi di inizio anno. Nei primi nove mesi del 2015 gli investimenti industriali sono cresciuti a 3,23 miliardi di euro, mentre il flusso di cassa della gestione operativa si era ridotta a 1,55 miliardi.
Il flusso di cassa della gestione operativa è stato positivo per 1,55 miliardi di euro, in contrazione dai 2,27 miliardi di euro dei primi nove mesi del 2014.

TELECOM ITALIA: OUTLOOK 2015
I vertici del gruppo prevedono, per l’esercizio in corso, sul mercato domestico un continuo progressivo miglioramento della performance operativa. Per quanto riguarda il gruppo Tim Brasil, la recente evoluzione negativa del contesto di riferimento lascia comunque spazio al proseguimento delle iniziative commerciali data-centered e ad azioni di contenimento dei costi, che porteranno a recuperi nell’andamento del fatturato e della redditività.

Tutti gli articoli su: telecom italia , terzo trimestre 2015 Quotazioni: TELECOM ITALIA
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Smart working: cos'è e come funziona il lavoro agile

Per legge italiana è il lavoro agile. Per quasi tutti è lavorare da casa. Vediamo cos'è lo smart working, il modo di lavorare che può cambiare la vita Continua »

da

ABCRisparmio

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Come detrarre asilo, scuole e università dal modello 730

Nella dichiarazione dei redditi è possibile detrarre le spese per istruzione. Tra queste ci sono quelle per l'asilo, le scuole e l'università. Continua »