NAVIGA IL SITO

Telecom guida il rialzo di Piazza Affari

Telefonica ha raggiunto un accordo per salire dal 46% al 66% in Telco, la holding azionista di riferimento della compagnia telefonica italiana

di Edoardo Fagnani 24 set 2013 ore 12:25

Telecom Italia protagonista assoluta a Piazza Affari nella seduta odierna. Il titolo del gruppo telefonico guadagna l’1,53% a 0,599 euro, dopo aver toccato un massimo a 0,619 euro a inizio giornata. Telefonica ha raggiunto un accordo per salire dal 46% al 66% in Telco, la holding azionista di riferimento della compagnia telefonica italiana, attraverso la sottoscrizione di un aumento di capitale riservato per un ammontare di 324 milioni di euro. L’accordo valuta le azioni di Telecom Italia 1,09 euro per azione. Telefonica si è anche garantita un’opzione per salire al 70% di Telco attraverso la sottoscrizione di un secondo aumento di capitale riservato per un ammontare di 117 milioni di euro. A decorrere dal 1° gennaio 2014, Telefonica avrà la facoltà di acquistare per cassa tutte le azioni dei soci italiani in Telco (Generali, IntesaSanpaolo e Mediobanca), ad un prezzo determinato valorizzando la partecipazione della holding al maggiore tra 1,1 euro per azione e il prezzo di mercato delle azioni al momento dell'esercizio dell’opzione di acquisto.
Generali recupera l’1,13% a 15,15 euro. La compagnia triestina ha precisato che la svalutazione netta della quota Telco sarà di circa 65 milioni e sarà registrata nel terzo trimestre del 2013. I vertici di Generali hanno precisato che l'accordo è in linea con gli obiettivi di rafforzamento patrimoniale e consente di valutare la distribuzione di un dividendo soddisfacente a fine anno.
In forte rialzo Mediobanca (+2,86% a 5,395 euro). L’istituto di Piazzetta Cuccia ha precisato che con l’operazione Telefonica-Telco realizzerà un utile di circa 60 milioni, che sarà contabilizzato nel 1°trimestre dell'esercizio 2013/2014.
Segno più anche per IntesaSanpaolo (+0,36% a 1,696 euro). Gli analisti di Intermonte hanno alzato da 1,7 euro a 2,1 euro il prezzo obiettivo sulla banca guidata da Enrico Cucchiani, in seguito al miglioramento delle stime sull’utile per azione per il biennio 2014/2015. Gli esperti hanno ribadito il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato).

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

Piazza Affari e le principali borse europee in frazionale rialzo a metà giornata.
Il FTSEMib sale dello 0,46%, mentre il FTSE Italia All Share guadagna lo 0,4%. Andamento positivo anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,3%) e del FTSE Italia Star (+0,08%).
L’euro oscilla intorno a quota 1,35 dollari, in attesa della diffusione di alcuni importanti dati macroeconomici negli Stati Uniti. L’oro è sceso sotto i 1.320 dollari.

In rialzo i bancari.
Giornata positiva per il Monte dei Paschi di Siena. Il titolo della banca toscana guadagna lo 0,48% a 0,2115 euro. Oggi si riunirà il consiglio di amministrazione dell’istituto toscano per l’esame del nuovo piano industriale.
La Popolare di Milano registra un progresso dello 0,57% a 0,4449 euro. L’istituto ha comunicato che il consiglio di gestione ha espresso alla Banca d’Italia il proprio impegno di riforma della governance societaria. Inoltre, il management ha deliberato di non procedere al pagamento della cedola trimestrale sulle Company Preferred Securities alla prossima data di pagamento prevista per il 2 ottobre.
Unicredit sale dello 0,53% a 4,894 euro.
Buona seduta per Azimut (+2,33% a 17,16 euro) e Banca Generali (+1,98% a 18,05 euro). Citigroup ha iniziato la copertura sulle due compagnie attive nel risparmio gestito con un prezzo obiettivo di 20 euro e l’indicazione di acquisto delle azioni.


Andamento positivo per Fondiaria-SAI (+1,85% a 1,65 euro) e Unipol (+1,7% a 3,23 euro). Gli analisti di Equita sim hanno incrementato il prezzo obiettivo sulle due compagnie assicurative, portandolo rispettivamente a 2,2 euro a e 4,43 euro, in seguito alle sinergie sui costi derivanti dalla prossima integrazione tra le due società. Gli esperti hanno ribadito l’indicazione di acquisto su entrambe le azioni. Equita sim ha incrementato anche il target price sulle azioni di risparmio di Fondiaria-SAI, portandolo a 87,1 euro. Anche in questo caso gli analisti hanno confermato il giudizio “Buy” (acquistare).
Milano Assicurazioni guadagna l’1,21% a 0,545 euro. Equita sim ha alzato a 0,75 euro per azione la valutazione sulla compagnia assicurativa, confermando il giudizio “Hold” (mantenere).

Seduta negativa per Tenaris (-1,22% a 17,78 euro). Gli analisti di UBS hanno peggiorato il giudizio sulla società e ora consigliano di vendere le azioni.
Enel sale dello 0,92% a 2,85 euro. I vertici del colosso elettrico hanno anticipato che entro la fine del 2014 saranno emessi nuovi bond ibridi per un ammontare di 2,3 miliardi. In prevalenza i titoli saranno denominati in euro, anche se non dovrebbero mancare emissioni in Dollari e sterline.

Fiat è in rialzo dello 0,16% a 6,195 euro. La controllata statunitense Chrysler ha comunicato di aver depositato presso la SEC, l’organo di vigilanza del mercato azionario statunitense, i documenti per la quotazione a Wall Street. Il colosso statunitense ha precisato che il numero di azioni offerte e il range di prezzo non sono ancora stati determinati.

Cell Therapeutics balza del 5,41% a 1,149 euro. La società biotech ha comunicato che il 18 settembre il capitale sociale è salito, passando da 114.564.691 azioni a 129.867.720 azioni. Cell Therapeutics ha precisato che l'incremento è dovuto principalmente all'emissione di 15 milioni di azioni ordinarie per la conversione di azioni privilegiate della serie 18.

Ancora una promozione per Maire Tecnimont (+6,42% a 1,426 euro). Gli analisti di Exane hanno alzato da un euro a 1,7 euro per azione la valutazione sulla società, apprezzando la strategia seguita dal management negli ultimi mesi. Gli esperti hanno anche migliorato il rating, portandolo da “Neutrale” ad “outperform” (farà meglio del mercato).

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.