NAVIGA IL SITO

La storia dei dividendi di IntesaSanpaolo dal 2010

Quella guidata da Carlo Messina è storicamente la banca di Piazza Affari maggiormente generosa. Ecco l'ammontare del dividendo IntesaSanpaolo staccato negli ultimi anni

di Redazione Soldionline 18 ott 2021 ore 08:44

intesa-sanpaoloIntesaSanpaolo è storicamente la banca di Piazza Affari maggiormente generosa nei confronti dei propri azionisti.

Dal 2010 l'istituto guidato da Carlo Messina ha sempre staccato un dividendo in contanti, ad eccezione del 2020, anno in cui la banca decise di sospendere la distribuzione della cedola, in ottemperanza alla raccomandazione della BCE del 27 marzo 2020 in merito alla politica dei dividendi.

 

In occasione della diffusione dei risultati del primo semestre 2021 IntesaSanpaolo aveva fornito un aggiornamento sulla politica dei dividendi, modificando quanto previsto nel piano di impresa 2018/2021, in conseguenza alla mancata distibuzione della cedola nel 2020.

Nel dettaglio, oltre ai 694 milioni di dividendi cash per il 2020 distribuiti a maggio 2021 (in linea con il Piano di Impresa 2018-2021) il management prevede a valere sui risultati del 2020, una distribuzione cash da riserve, possibilmente entro la fine del 2021, che aggiungendosi ai predetti dividendi porti al pagamento di un ammontare complessivo corrispondente a un payout ratio pari al 75% dei 3,51 miliardi di euro di utile netto rettificato.

Inoltre a valere sui risultati del 2021, IntesaSanpaolo punta al pagamento di un ammontare di dividendi cash corrispondente a un payout ratio pari al 70% dell’utile netto, da distribuire in parte come acconto nell’anno in corso.

 

Sulla base di queste indicazioni l'assemblea degli azionisti di IntesaSanpaolo ha approvato la proposta di distribuzione cash di parte della riserva straordinaria per un ammontare complessivo di circa 1,94 miliardi di euro da assegnare a ciascuna delle 19.430.463.305 azioni ordinarie, corrispondente a un importo unitario di 0,0996 euro per azione. Il dividendo di IntesaSanpaolo sarà staccato lunedì 18 ottobre 2021 e messo in pagamento il 20 ottobre. Questa distribuzione, aggiungendosi ai 694 milioni di dividendi cash corrisposti a maggio 2021, porta al pagamento di un ammontare complessivo per il 2020 corrispondente a un payout ratio pari al 75% dei 3,51 miliardi di euro di utile netto consolidato rettificato, in linea con il piano di impresa 2018-2021.

Inoltre, IntesaSanpaolo ha definito in via preliminare come acconto sul dividendo 2022 (da distribuire a valere sui risultati del 2021) un ammontare pari a 1,4 miliardi di euro e procederà a deliberarlo il 3 novembre 2021, in occasione dell’approvazione dei risultati finanziari dei primi nove mesi del 2021, in assenza di controindicazioni derivanti dai risultati del terzo trimestre o da quelli prevedibili per il quarto trimestre 2021. A seguito della deliberazione della distribuzione prevista, l’acconto sul dividendo sarà pari a 0,0721 euro per azione ordinaria; la cedola sarà staccata il 22 novembre 2021 e messa in pagamento il 24 novembre.

 

LEGGI ANCHE: I dividendi di fine 2021 e inizio 2022

 

Nella tabella seguente sono elencati i dividendi IntesaSanpaolo distribuiti dal 2010 ad oggi (solo azioni ordinarie):

Anno Dividendi IntesaSanpaolo Note
2010 0,08 ---
2011 0,08 ---
2012 0,05 ---
2013 0,05 ---
2014 0,05 ---
2015 0,07 ---
2016 0,14 ---
2017 0,178 ---
2018 0,203 ---
2019 0,197 ---
2020 0 In seguito a raccomandazioni BCE
2021 0,1353 Dividendo esercizio 2020 (in due tranche: 0,0357+0,0996)

 

Grafico - L'andamento del dividendo IntesaSanpaolo dal 2010 (Fonte IntesaSanpaolo e Borsa Italiana; elaborazione SoldiOnline)

storico-dividendi-intesasanpaolo-aggiornamento-ottobre-2021

 

Tutte le ultime su: dividendi , intesasanpaolo
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.