NAVIGA IL SITO

La storia dei dividendi di A2A dal 2008

A partire dal 2012 la società ha incrementato costantemente la cedola. Il piano strategico 2021-2030 di A2A ha confermato una politica dei dividendi di crescita sostenibile.

di Redazione Soldionline 30 mag 2022 ore 14:00

a2a_6Quello delle utilities è storicamente uno dei settori maggiormente generosi verso i propri azionisti. Per queste società la politica dei dividendi è parte integrante della propria strategia operativa.

A2A non fa eccezione a questo quadro. A partire dal 2012 la società quotata al FTSEMib ha incrementato costantemente la cedola fino ad arrivare a un dividendo 2022 (relativo all'esercizio 2021) di 0,0904 euro per ciascuna delle azioni ordinarie in circolazione, ammontare che comprende una cedola straordinaria di 0,008 euro.

 

Inoltre, l’aggiornamento del piano 2021-2030 ha confermato i target di distribuzione dei dividendi agli azionisti:

  • almeno 0,082 euro per azione sull’utile del 2021
  • almeno 0,085 euro per azione sull’utile del 2022
  • almeno 0,087 euro per azione sull’utile del 2023

Per gli anni successivi, A2A ha confermato una crescita minima del dividendo pari al 3% all’anno.

 

LEGGI ANCHE: I dividendi di Borsa Italiana del 2022

 

Nella tabella seguente sono elencati i dividendi A2A distribuiti dal 2008 ad oggi:

Anno Dividendo A2A Note
2008 0,097 ---
2009 0,097 ---
2010 0,07 ---
2011 0,096 In due tranche
2012 0,013 ---
2013 0,026 ---
2014 0,033 ---
2015 0,0363 ---
2016 0,041 ---
2017 0,0492 ---
2018 0,0578 ---
2019 0,07 ---
2020 0,0775 ---
2021 0,08 ---
2022 0,0904 0,0824 euro ordinario + 0,008 euro straordinario

 

Grafico - L'andamento del dividendo A2A dal 2008 (Fonte A2A; elaborazione SoldiOnline)

a2a-dividendo-storico-maggio-2022

 

Tutte le ultime su: a2a , dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.