NAVIGA IL SITO

Seat Pagine Gialle, le indicazioni dell'amministratore delegato

di Edoardo Fagnani 23 nov 2014 ore 17:44 Le news sul tuo Smartphone

Il Sole24Ore di domenica ha intervistato l’amministratore delegato di Seat Pagine Gialle, Vincenzo Santelia.
seatpg_1Il manager ha anticipato che il bilancio del 2014 dell’azienda potrebbe chiudersi senza debiti, in quanto il concordato potrebbe chiudersi entro la fine dell’esercizio. Santelia ha puntualizzato che l’azienda sta lavorando con la Consob per definire l’emissione di nuove azioni finalizzate alla conversione del debito di oltre 1,5 miliardi di euro, in un’operazione che porterà i creditori (obbligazionisti e altri soggetti finanziari) a diventare i nuovi azionisti di Seat Pagine Gialle con una quota del 99,75% del capitale. Il manager ha aggiunto che i credito privilegiati, finanziari e i fornitori saranno pagati in contanti, aggiungendo che dei 160 milioni di euro in cassa, 75 milioni serviranno per pagare i creditori, mentre i restanti 85 milioni saranno utilizzati per finanziare il rilancio dell’azienda.
Infine, il Santelia ha fornito qualche stima per il 2014: il manager prevede che l’azienda chiuda l’esercizio con ricavi nell’ordine dei 400 milioni di euro, mentre il margine operativo lordo dovrebbe attestarsi a 32 milioni. Seat Pagine Gialle non dovrebbe distribuire alcun dividendo almeno fino al 2018.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: seat pagine gialle

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »