NAVIGA IL SITO

Saras, la famiglia Moratti cede il 35% a Vitol

L'intera partecipazione detenuta dalla famiglia Moratti in Saras sarà trasferita a Vitol, determinando l'insorgere di un obbligo di promuovere un'OPA

di Redazione Lapenna del Web 12 feb 2024 ore 08:25

saras_6Massimo Moratti Sapa, Angel Capital Management e Stella Holding ha comunicato di aver stipulato un contratto di compravendita in base al quale la famiglia Moratti si è impegnata a cedere a Vitol (azienda attiva in investimenti in infrastrutture energetiche) azioni di Saras che rappresentano circa il 35% del capitale azionario della società di raffinazione quotata al MidCap ad un prezzo pari a 1,75 euro per azione, che implica una capitalizzazione di Saras circa 1,7 miliardi di euro.

Inoltre, ai sensi dell'accordo e subordinatamente al verificarsi di determinate circostanze, Angel Capital Management si è impegnata a vendere a Vitol le eventuali azioni di Saras che la societò potrebbe ricevere sulla base dell’esistente contratto derivato di funded collar, avente ad oggetto circa il 5% del capitale di Saras.

Nel caso in cui Saras decidesse di distribuire un dividendo prima del completamento dell'operazione, il prezzo per azione sarà ridotto di conseguenza.

 

Al completamento dell'operazione, l'intera partecipazione detenuta dalla famiglia Moratti in Saras sarà trasferita a Vitol, determinando l'insorgere di un obbligo di promuovere un'offerta pubblica di acquisto obbligatoria sul capitale azionario di Saras, che sarà promossa da Vitol a 1,75 euro per azione ovvero al prezzo rettificato in caso di distribuzione di un dividendo prima del completamento dell’operazione.

L'obiettivo dell'operazione è ottenere la revoca delle azioni ordinarie di Saras dalla quotazione e dalle negoziazioni da Piazza Affari; il delisting potrà essere conseguito anche attraverso una fusione in presenza delle relative condizioni.

Tutte le ultime su: saras , opa
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.