NAVIGA IL SITO

RCS, chi vincerà?

Le novità tra i soci hanno riaperto la partita per aumentare la presa sul gruppo che controlla il Corriere della Sera. Ma le sorprese potrebbero non essere finite

di Edoardo Fagnani 11 apr 2012 ore 16:45
RcsMediaGroup è rimasta immune alla pesante correzione subita da Piazza Affari nelle ultime sedute. Nelle scorse due giornate, il titolo della società editoriale ha accumulato un progresso di oltre il 27%, passando dagli 0,628 euro della chiusura di mercoledì 4 aprile agli 0,8 euro di ieri. Il balzo di RcsMediaGroup è stato accompagnato da un forte aumento dei volumi: nelle ultime due sedute sono passate di mano oltre 3 milioni di azioni al giorno, un quantitativo ben superiore alla media delle precedenti giornate.

Il rialzo di RcsMediaGroup non è stato estemporaneo. Le novità tra i soci hanno riaperto la partita per aumentare la presa sul gruppo che controlla il Corriere della Sera.
Il via al riassetto societario è arrivato mercoledì 4 aprile da Diego della Valle. Quel giorno, il patron di Tod’s, in rappresentanza dell'azionista Dorint, decise di presentare la richiesta di uscire dal patto di sindacato di RcsMediaGroup, con contestuale liberazione delle azioni vincolate e cessazione di tutti gli obblighi correlati. Una decisione accolta con entusiasmo da Piazza Affari, tanto che il giorno seguente il titolo riuscì a mettere a segno un balzo di quasi il 21%.

La decisione di Della Valle non era destinata a restare isolata. Venerdì 6 aprile, infatti, Pandette, società facente capo a Giuseppe Rotelli, comunicò di aver sottoscritto un contratto preliminare per l'acquisto da Partecipazioni Editoriali (gruppo Toti) di una partecipazione del 5,2428% del capitale sociale di RcsMediaGroup, pari a 38.411.642 azioni, con un esborso di circa 53,7 milioni di euro, vale a dire 1,4 euro per azione. Una scelta che dovrebbe portare la quota di Rotelli nella società editoriale al 16,55%.

Ma le sorprese potrebbero non essere finite.
La Repubblica ha segnalato che la Alessandro Proto Consulting avrebbe rilevato una quota dell’1% del capitale di RcsMediaGroup e avrebbe l’intenzione di arrivare al 2%. Al contrario, il quotidiano ha precisato che Edizione Holding della famiglia Benetton non sarebbe intenzionata a vendere la quota del 5,1% detenuta nel capitale della società editoriale.

Tutte le ultime su: rcsmediagroup
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.