NAVIGA IL SITO

FCA, i nuovi giudizi delle banche d'affari dopo i dati del 2016

di Edoardo Fagnani 27 gen 2017 ore 17:06 Le news sul tuo Smartphone

Non si sono fatte attendere le indicazioni degli analisti su Fiat Chrysler Automobiles dopo la diffusione dei dati relativi all’esercizio 2016.

Mediobanca ha aumentato da 12 euro a 14 euro il prezzo obiettivo sul gruppo guidato da Sergio Marchionne, in seguito al miglioramento delle stime finanziarie per il triennio 2017/2019; gli esperti hanno confermato il giudizio “Outperform” (farà meglio del mercato).

Sulla stessa lunghezza d’onda Equita sim, che ha aumentato da 9,8 euro a 10,7 euro per azione la valutazione sull’azienda, in seguito al miglioramento delle stime sulla redditività per il biennio 2017/2018; gli esperti hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

Per lo stesso motivo Jefferies e Banca Akros hanno incremento a 14 dollari e a 12,7 euro il target price su Fiat Chrysler Automobiles; gli esperti delle due banche d’affari hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni.

Indicazione simile da Banca IMI, che ha aumentato da 10,4 euro a 12,2 euro il prezzo obiettivo sull’azienda, in seguito al miglioramento della stima sull’utile per azione per l’esercizio in corso; gli esperti hanno confermato l’indicazione di aggiungere le azioni in portafoglio.

 

DA NON PERDERE: Le raccomandazioni del 27 gennaio

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cos'è e come funziona Inarcassa

Inarcassa è la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per ingegneri e architetti che svolgono la loro attività come liberi professionisti e non godono di altra copertura assicurativa

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »