NAVIGA IL SITO

Dada, Banca IMI taglia a 3,8 euro il target price

di Edoardo Fagnani 14 dic 2016 ore 14:38 Le news sul tuo Smartphone

dada2Gli analisti di Banca IMI hanno ridotto il prezzo obiettivo su Dada, portandolo da 4,2 euro a 3,8 euro, in seguito alla modifica dei parametri di valutazione dell’azienda e alla riduzione delle stime per il triennio 2016/2018, in quanto i risultati potrebbero essere influenzati negativamente dall’andamento dei tassi di cambio.

 

Gli esperti prevedono che la società possa chiudere il 2016 con ricavi per 64,52 milioni di euro, rispetto alla precedente stima di 64,6 milioni di euro e ai 62,2 milioni contabilizzati nel 2015. La previsione sull’utile netto è stata ridotta da 1,2 milioni a 0,51 milioni di euro (1,32 milioni lo scorso anno); di conseguenza, l’utile netto per azione è stimato in calo da 0,08 euro a 0,03 euro.

Gli analisti hanno tagliato da 70 milioni a 68,13 milioni di euro la stima sul fatturato per il 2017, mentre l’indicazione sull’utile netto è stata sforbiciata da 2 milioni a 1,79 milioni di euro (0,11 euro per azione).

 

Tuttavia, Banca IMI ha confermato l’indicazione di acquisto delle azioni.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: dada , banca imi
da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »