NAVIGA IL SITO

Ferrari, i nuovi target price dopo i dati del terzo trimestre 2019

di Edoardo Fagnani 5 nov 2019 ore 17:08 Le news sul tuo Smartphone

ferrari-logo_1Non si sono fatte attendere le nuove indicazioni delle banche d’affari su Ferrari, dopo la diffusione dei risultati trimestrali.

Promozione completa da Banca Akros, che ipotizza un andamento migliore delle attese per il 2020: gli esperti hanno alzato da 165 euro a 175 euro il prezzo obiettivo e hanno migliorato da “Neutrale” ad “Accumulate” il giudizio.

Gli analisti di Kepler Cheuvreux hanno alzato da 140 euro a 150 euro il prezzo obiettivo su Ferrari, in seguito al miglioramento delle stime per i prossimi trimestri. Per lo stesso motivo Equita sim ha aumentato a 142 euro il target price sul Cavallino Rampante. Gli esperti delle due banche d’affari hanno confermato l’indicazione di mantenere le azioni in portafoglio.

Sulla stessa lunghezza d’onda gli analisti di UBI Banca: gli esperti hanno incrementato da 163 euro a 180 euro il target price su Ferrari, in seguito al miglioramento delle stime sul fatturato e sulla redditività per il triennio 2019/2021: gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto delle azioni.

Anche Mediobanca ha incrementato il prezzo obiettivo su Ferrari, ora fissato a 147 euro, dai precedenti 123 euro; gli esperti di Piazzetta Cuccia hanno confermato il giudizio “Neutrale”.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: ferrari

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »