NAVIGA IL SITO

Prysmian, i conti dei primi 9 mesi del 2015

Prysmian ha chiuso i primi 9 mesi del 2015 con un utile netto pari a 139 milioni di euro, in lieve miglioramento (del 2,6%) rispetto ai 135 milioni dei primi nove mesi del 2014

di Mauro Introzzi 5 nov 2015 ore 16:17

Prysmian ha chiuso i primi 9 mesi del 2015 con ricavi pari a 5,66 miliardi di euro, in crescita del 6,9%, a parità di perimetro e al netto di variazioni del prezzo di metalli e cambi, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Il margine operativo lordo rettificato (prima di oneri netti non ricorrenti pari a 28 milioni di euro) mostra una crescita del 33,3% a 473 milioni di euro. Escludendo gli effetti del Western Link, il margine operativo lordo rettificato è stato pari a 488 milioni di euro, segnando un incremento dell'11,4% rispetto ai 438 milioni dei primi nove mesi del 2014.
Il risultato operativo di gruppo è stato pari a 284 milioni di euro, con un lieve incremento rispetto ai 281 milioni dei primi nove mesi del 2014.

prysmian_7L’utile netto è risultato pari a 139 milioni di euro, in lieve miglioramento (del 2,6%) rispetto ai 135 milioni dei primi nove mesi del 2014.

A fine settembre la posizione finanziaria netta evidenziava un debito pari a 955 milioni,
in sensibile miglioramento rispetto agli 1,29 miliardi di euro di 12 mesi prima, ma in crescita rispetto agli 802 milioni di fine 2014.

Alla luce di questi conti il gruppo prevede per l’intero esercizio 2015 un margine operativo lordo rettificato compreso in un range tra i 590 e i 640 milioni di euro, in significativo miglioramento rispetto ai 509 milioni registrati nel 2014.

Tutte le ultime su: prysmian , terzo trimestre 2015
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.