NAVIGA IL SITO

Per Enel il lungo addio al carbone riparte dal Cile (MF)

di Mauro Introzzi 12 feb 2020 ore 08:14 Le news sul tuo Smartphone

enel-logo-marchioIl quotidiano finanziario racconta il percorso di addio al carbone da parte di Enel, che punta a una produzione zero-carbon al 2050. In Cile il colossso elettrico ha fermato da inizio anno la centrale di Tarapacá, in anticipo rispetto alla tabella di marcia, che prevedeva la chiusura per il maggio prossimo. In questo modo ha spento 158 megawatt, cancellando il 25% della sua capacità a carbone nel Paese sudamericano. L'altra centrale cilena a carbone che Enel vuole chiudere (entro il 31 dicembre 2023) è quella di Bocamina 1, mentre Bocamina II, dovrebbe cessare l'attività nel 2040.

Parallelamente il gruppo si muoverà con le stesse strategie anche in Italia.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: enel