NAVIGA IL SITO

Milano, si rafforza il progresso

Secondo gli operatori i mercati hanno apprezzato la vittoria della coalizione guidata da Abe nelle elezioni giapponesi. In frazionale rialzo i bancari: seduta positiva per MPS

di Edoardo Fagnani 22 lug 2013 ore 12:29

Indici in rialzo a Piazza Affari e in Europa nella prima seduta della settimana. Secondo gli operatori i mercati hanno apprezzato la vittoria della coalizione guidata da Abe nelle elezioni giapponesi.
Il FTSEMib sale dello 0,79%, mentre il FTSE Italia All Share guadagna lo 0,75%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,57%) e il FTSE Italia Star (+0,66%).
L’euro ha sfiorato gli 1,32 dollari. L’oro è risalito a 1.315 dollari.

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

In frazionale rialzo i bancari.
Seduta positiva per il Monte dei Paschi di Siena. Il titolo della banca toscana sale dello 0,41% a 0,2187 euro. Il Sole24Ore di domenica ha riportato la notizia che la procura di Siena ha aperto un dossier relativo a presunti reati fiscali commessi da Monte dei Paschi di Siena nel periodo 2005/2009. L’istituto toscano è accusato di aver evaso al fisco 178 milioni di euro, riscuotendo le cedole dei bond attraverso una società estera. Il quotidiano finanziario ha ricordato che per questa vicenda il Monte dei Paschi di Siena ha già pagato al fisco una sanzione pecuniaria.
IntesaSanpaolo è in rialzo del 2,08% a 1,375 euro, mentre Unicredit registra un progresso del 2,13% a 3,938 euro.
Mediolanum guadagna il 2,5% a 5,335 euro. Deustche Bank ha ritoccato al rialzo il prezzo obiettivo sulla compagnia guidata dalla famiglia Doris, portandolo da 6,3 euro a 6,5 euro, in seguito alla revisione delle stime sull’utile per azione per il triennio 2013/2015. Gli esperti hanno ribadito l’indicazione di acquisto delle azioni. Indicazione simile da Barclays, che ha portato da 3,8 euro a 4,1 euro il prezzo obiettivo su Mediolanum. Tuttavia, gli analisti hanno confermato il giudizio “Underweight” (sottopesare).

In rialzo RcsMediagroup. Il titolo della società editoriale sale del 2,82% a 1,203 euro. Secondo quanto riportato da alcune agenzie stampa, la Consob avrebbe acceso un faro sull’ingresso di Urbano Cairo nell’azionariato di RcsMediagroup. La commissione vorrebbe avere maggio dettagli sulle modalità di acquisto delle azioni da parte di Cairo.

Buona giornata per Saipem (+2,84% a 15,92 euro). Gli analisti di Barclays hanno migliorato il giudizio sulla società portandolo da “Equalweight” (neutrale) a “Overweight” (sovrappesare), sulle prospettive di un ritorno a margini in linea con gli scorsi esercizi già nel 2014. Gli esperti hanno confermato il prezzo obiettivo di 20 euro. 

Fiat è in flessione dello 0,08% a 5,925 euro. Equita sim ha incrementato da 4,7 euro a 5,9 euro il target price sul gruppo del Lingotto, sulle prospettive di un miglioramento dei risultati nel secondo trimestre del 2013. Gli esperti hanno confermato il giudizio “Hold” (mantenere).


STM è in ribasso dello 0,07% a 7,53 euro. In serata, dopo la chiusura di Wall Street, il gruppo italofrancese comunicherà i risultati del secondo trimestre del 2013.

Buzzi Unicem scende dello 0,63% a 10,96 euro. Gli analisti di Jefferies hanno limato da 14,1 euro a 14 euro il prezzo obiettivo sulle azioni ordinarie della società, mentre hanno alzato da 6,7 euro a 7,6 euro quello sulle risparmio, in seguito alla revisione delle stime sulle redditività per il biennio 2013/2014. Gli esperti hanno confermato l’indicazione di acquisto per entrambe le categorie di azioni.

Pirelli
cede lo 0,05% a 9,535 euro. Plus, l’inserto del sabato del quotidiano Il Sole24Ore, ha riportato le stime per il 2013 sul gruppo della Bicocca. La società dovrebbe chiudere l’esercizio in corso con ricavi compresi tra i 6,3 miliardi e i 6,4 miliardi di euro, rispetto ai 6,1 miliardi del 2012. Il risultato operativo dovrebbe collocarsi tra gli 810 milioni e gli 850 milioni di euro, stima che si confronta con i 781 milioni ottenuti lo scorso anno. Gli investimenti dovrebbero aggirarsi intorno ai 400 milioni di euro.

Prelios
cede lo 0,33% a 0,5955 euro. Oggi ha preso il via l’aumento di capitale lanciato dalla società immobiliare. Il prezzo di chiusura di venerdì, pari a 0,602 euro, è stato rettificato a 0,5975 euro. Di conseguenza, il prezzo iniziale dei diritti (+102% a 0,0095 euro) è stato fissato a 0,0047 euro.

Risanamento
balza dell’8,3% a 0,2388 euro. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore di domenica 21 luglio l’emirato del Qatar, in partnership con il gruppo immobiliare Hines, potrebbe presentare un’offerta per rilevare il portafoglio di attività di Risanamento, comprese le aree ex Falck, Santa Giulia e gli asset immobiliari a Parigi.

Maire Tecnimont
invariata a 0,68 euro. Oggi vengono riofferti i diritti rimasti inoptati dell’aumento di capitale della società. Intanto, Kepler ha migliorato il giudizio su Maire Tecnimont, portandolo da “Reduce” (ridurre) a “Hold” (mantenere). Gli esperti hanno confermato il prezzo obiettivo di 0,67 euro.

Pierrel guadagna il 10,1% a 0,65 euro. Oggi ha preso il via l’aumento di capitale lanciato dalla società farmaceutica. Il prezzo di chiusura di venerdì, pari a 0,727 euro, è stato rettificato a 0,5905 euro. Di conseguenza, il prezzo iniziale dei diritti (sospesa per eccesso di ribasso) è stato fissato a 0,1365 euro.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.