NAVIGA IL SITO

Milano incerta, prima dell'asta dei Btp

Avvio di giornata nervoso per Piazza Affari e per le principali borse europee. Riflettori accesi sulle aste dei Btp, in particolare sul titolo con scadenza a tre anni

di Edoardo Fagnani 12 apr 2012 ore 09:29

Avvio di giornata nervoso per Piazza Affari e per le principali borse europee. Riflettori accesi sulle aste dei Btp, in particolare sul titolo con scadenza a tre anni.
Il FTSEMib sale dello 0,4%, mentre il FTSE Italia All Share guadagna lo 0,36%. Segno più anche per il FTSE Italia Mid Cap (+0,67%) e il FTSE Italia Star (+0,85%).
Chiusura positiva per Wall Street. Il Dow Jones ha registrato un progresso dello 0,7% a 12.805 punti. Performance leggermente migliore per l’S&P500 (+0,75% a 1.369 punti). In rialzo di quasi un punto percentuale il Nasdaq, che è salito dello 0,84% a 3.016 punti. Spicca il balzo Alcoa (+6,3%). Il colosso dell’alluminio ha beneficiato dei dati trimestrali comunicati ieri a mercati chiusi e risultati migliori delle attese.
In rialzo la borsa di Tokyo, grazie a un buon finale di giornata. L’indice Nikkei ha messo a segno un progresso dello 0,7% a 9.525 punti. Giornata positiva per Sony, dopo il pesante ribasso subito ieri.
L’euro resta sopra gli 1,31 dollari, in attesa della diffusione di alcuni importanti dati macroeconomici negli Stati Uniti. L’oro si è attestato a 1.660 dollari.

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB


In generale rialzo i bancari, dopo le ottime performance registrate ieri.
In controtendenza solo il Monte dei Paschi di Siena che perde lo 0,17% a 0,2871 euro.
Unicredit sale dell’1,06% a 3,24 euro. Secondo quanto riportato dalla stampa, la battaglia per la presidenza dell’istituto si sarebbe ristretta su due nomi: Giuseppe Vita, attuale presidente di Allianz Italia, e l’ex numero uno di Eni, Gian Maria Gros Pietro.
La Popolare di Milano guadagna il 2,68% a 0,3569 euro. Oggi si riunirà il consiglio di sorveglianza dell’istituto per l’esame dei risultati di bilancio.

Bene la galassia Ligresti. Fondiaria-SAI è in rialzo del 2,29% a 0,914 euro.
Generali guadagna lo 0,19% a 10,68 euro. MF ha pubblicato un’intervista al numero uno, Giovanni Perissinotto. Il manager ha fatto il punto sull’andamento della compagnia triestina, dopo un 2011 difficile, chiuso con un risultato operativo di 3,9 miliardi di euro e un utile dimezzato a 856 milioni. Perissinotto ha segnalato che il 2012 è partito bene, in quanto nei primi due mesi dell’anno il patrimonio netto è aumentato di 2,4 miliardi di euro.


I petroliferi iniziano la giornata in generale rialzo. Fa eccezione Eni, che perde lo 0,18% a 16,42 euro. Performance positive, invece, per Saipem (+1,5% a 37,11 euro) e Tenaris (+3,53% a 14,06 euro). Segno più per Saras (+1,99% a 0,922 euro), mentre Erg è invariata a 6,07 euro.
Terna perde lo 0,56% a 2,836 euro. Bank of America ha alzato il target price sulla società, portandolo da 3 euro a 3,2 euro. Gli esperti hanno confermato il rating “Buy” (acquistare). Gli analisti di ING, invece, hanno iniziato la copertura su Terna con l’indicazione di acquisto delle azioni. La stessa ING ha fissato un giudizio “Hold” (mantenere) su Snam (-0,69% a 3,448 euro), valutata 3,85 euro per azione.

Riflettori ancora accesi su RcsMediaGroup che ha iniziato la giornata con un rialzo dell’1,4% a 0,8305 euro.

Maire Tecnimont sale del 4,6% a 0,727 euro. Gli analisti di Mediobanca hanno migliorato il giudizio sulla società, portandolo da “underperform” (farà peggio del mercato) a “neutrale”, dopo il contratto preliminare siglato con Total.

Buongiorno guadagna il 5,29% a 1,79 euro. Il Sole24Ore ha ventilato l’ipotesi di un delisting del titolo, considerando che l’azienda è contendibile. L’azienda non ha voluto commentare queste indiscrezioni. Intanto, la società ha deciso di cedere le attività giornalistiche di DioraNews in quanto non più allineate alla nuova strategia del gruppo.

Kerself sale del 6,56% a 1,625 euro. La società ha comunicato di aver ricevuto dagli istituti di credito la conferma dell’efficacia dell’accordo di ristrutturazione a far data dal 29 marzo 2012. Inoltre, l’assemblea degli azionisti ha deciso di modificare la denominazione sociale, che passerà da Kerself ad Aion Renewables.

Borsa Italiana ha comunicato che Pramac è momentaneamente sospesa dalle contrattazioni in attesa di un comunicato.

Tutte le ultime su: piazza affari , btp day , unicredit , generali
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.