NAVIGA IL SITO

Milano crolla: banche KO!

Piazza Affari registra la peggiore performance della giornata in Europa, in seguito alle incertezze sulla formazione del nuovo governo. Raffica di sospensioni al ribasso per i bancari

di Edoardo Fagnani 25 mar 2013 ore 15:54
Piazza Affari registra la peggiore performance della giornata in Europa, in seguito alle incertezze sulla formazione del nuovo governo. Secondo quanto dichiarato da PierLuigi Bersani, che nella giornata da venerdì ha ottenuto dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano il mandato per tentare di formare il nuovo governo, servirebbe un esecutivo "dei miracoli" per uscire fuori dalla crisi. Riflettori ancora accesi sulla crisi finanziaria di Cipro: nelle scorse ore è stato raggiunto l’accordo per il salvataggio dello stato. Focus anche sulle aste dei titoli di stato italiani.
Il FTSEMib registra uno scivolone del 2,41%, mentre il FTSE Italia All Share cede il 2,41%. In rosso il FTSE Italia Mid Cap (-1,21%) e il FTSE Italia Star (-0,39%).

CONSULTA tutte le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

Affondano i bancari.
Il Banco Popolare è sospeso per eccesso di ribasso dopo aver segnato un calo teorico del 5,1%. S&P ha modificato i rating di lungo e breve termine dell’istituto, portandolo da “BBB-/A-3” a “BB+/B”. Il giudizio classifica la banca tra gli emittenti speculativi. Le prospettive sui rating per i prossimi trimestri restano "negative.
Sospesa al ribasso anche UBI Banca. Mediobanca ha peggiorato il giudizio sull’istituto, portandolo da “outperform” (farà meglio del mercato) a “Neutrale”. Gli esperti di Piazzetta Cuccia hanno confermato il prezzo obiettivo di 3,4 euro.
Monte dei Paschi di Siena scende del 2,25% a 0,1996 euro. Secondo quanto riportato dalla stampa nel weekend, la procura di Siena starebbe analizzando anche altri prodotti derivati messi in atto dalla precedente gestione della banca toscana. Tuttavia, l’ammontare di questi strumenti sarebbe inferiore rispetto ai prodotti Alexandria e Santorini che hanno dato il via alle indagini sull’istituto. Inoltre, il Monte dei Paschi di Siena ha precisato che gli effetti di questi derivati sono già stati recepiti a bilancio.
Congelate al ribasso anche IntesaSanpaolo e Unicredit. Entrambi i titoli registrato cali teorici superiori al 5%

Enel perde il 2,89% a 2,618 euro. Gli analisti di Jp Morgan hanno peggiorato il giudizio sul colosso elettrico, portandolo da “Neutrale” ad “underperform” (farà peggio del mercato), in seguito ai possibili rischi per l’azienda in Spagna. Gli esperti hanno anche tagliato da 3 euro a 2,6 euro il prezzo obiettivo. La stessa Jp Morgan ha tagliato da 2,23 euro a 1,82 euro il prezzo obiettivo su Enel Green Power (-1,85% a 1,484 euro) ma ha confermato il giudizio “Overweight” (sovrappesare).
Tutte le ultime su: piazza affari , banco popolare , ubi banca , enel
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.