NAVIGA IL SITO

Milano cauta: focus sull BTP Italia

Piazza Affari e le principali borse europee iniziano la seduta odierna con gli indici poco sopra la parità. Oggi ha preso il via l’offerta pubblica della quinta tranche del BTP Italia

di Edoardo Fagnani 5 nov 2013 ore 09:13
Piazza Affari e le principali borse europee iniziano la seduta odierna con gli indici poco sopra la parità. Riflettori accesi sulle aste dei titoli di stato italiani. Oggi ha preso il via l’offerta pubblica della quinta tranche del BTP Italia.
Il FTSEMib sale dello 0,18%, mentre il FTSE Italia All Share registra un progresso dello 0,21%. Variazioni frazionali per il FTSE Italia Mid Cap (+0,29%) e il FTSE Italia Star (-0,01%).
Wall Street in frazionale rialzo nella prima seduta della settimana. Il Dow Jones ha recuperato lo 0,15% a 15.639 punti. Performance migliore per l’S&P500 (+0,36% a 1.768 punti). Segno più anche per il Nasdaq che ha guadagnato lo 0,37% a 3.937 punti. Pesante ribasso per BlackBerry (-16,4%). Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa sarebbe naufragata ogni ipotesi di cessione. Nel frattempo il principale azionista del gruppo, Fairfax, sottoscriverà bond convertibili per 1 miliardo di dollari.
La borsa di Tokyo ha ripreso le contrattazioni dopo la pausa di ieri con un minimo rialzo. L’indice Nikkei ha terminato la seduta con un progresso dello 0,17% a 14.225,5 punti. Pesante ribasso per Nissan Motor, che ha lasciato sul terreno oltre il 10%, dopo che il management ha tagliato le stime sull’utile per l’intero esercizio.

Telecom Italia registra una flessione dello 0,27% a 0,7265 euro. Secondo quanto scritto su La Repubblica, il piano industriale che il gruppo telefonico presenterà nei prossimi giorni dovrebbe prevedere la cessione di immobili per un miliardo di euro, la vendita di Telecom Argentina, l’azzeramento dei dividendi e un aumento di capitale per un ammontare compreso tra gli 1,3 miliardi e gli 1,5 miliardi di euro.

Sulla parità Unicredit e IntesaSanpaolo. MF ha indicato l'entità delle somme che i due istituti accantoneranno nell'ambito del piano di risanamento dell'esposizione della Carlo Tassara. Appena l'accordo di ristrutturazione riceverà il via libera, IntesaSanpaolo (l'istituto più esposto con somme pari a 1,1 miliardi di euro) convertirà una parte del suo credito in strumenti finanziari partecipativi per 445 milioni di euro, mentre la quota di Unicredit sarà pari a 70 milioni su un'esposizione complessiva di 453 milioni di euro.

Mediaset registra un balzo del 5,47% a 3,932 euro. Goldman Sachs ha migliorato il giudizio sul gruppo del Biscione e ora consiglia l’acquisto delle azioni. 

Fiat invariata a 5,73 euro. Il Ministero dei trasporti ha comunicato che nel mese di ottobre le immatricolazioni di automobili in Italia sono state pari a quasi 111mila unità, in flessione del 5,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Fiat ha fatto peggio del mercato, registrando una contrazione delle vendite dell’8,7% a poco più di 31mila vetture. Di conseguenza, la quota di mercato del gruppo del Lingotto si è attestata al 28,1%.
Tutte le ultime su: piazza affari , btp italia , telecom italia , mediaset
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.