NAVIGA IL SITO

Mediolanum: i conti del trimestre. Acconto sul dividendo 2014

Il gruppo di Ennio Doris ha chiuso i primi nove mesi del 2014 con un utile di 246,9 milioni, in calo rispetto all'anno precedente. Sarà pagato un acconto sul dividendo di 0,15 euro

di Mauro Introzzi 13 nov 2014 ore 14:13

Mediolanum ha comunicato di aver chiuso i primi nove mesi del 2014 con commissioni pari a 789,4 milioni di euro dai 742 milioni di euro del medesimo periodo del 2013. Il periodo è andato in archivio con un utile netto consolidato pari a 246,9 milioni di euro, in calo del 18% rispetto al risultato dello stesso periodo dell’anno scorso. La società di Ennio Doris indica, nel comunicato stampa, che la flessione è frutto principalmente dell’annunciato avvio di numerosi nuovi progetti di sviluppo, specialmente in ambito tecnologico.
Il totale delle masse gestite e amministrate è salito a 62,97 miliardi di euro, in crescita del 14% rispetto al dato al 30 settembre 2013 e del 9% rispetto al saldo di inizio anno mentre il common equity tier 1 ratio, al 30 settembre 2014, era pari a 18,08%.

mediolanum2_1Il board della società ha deliberato la distribuzione di un dividendo, a titolo di acconto sull'anno in corso, di 0,15 euro per azione a partire dal 26 novembre 2014, con stacco cedola al 24 novembre 2014.

LEGGI ANCHE: I dividendi di fine 2014

Tutte le ultime su: banca mediolanum , terzo trimestre 2014
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Cos'è e come funziona Inarcassa

Inarcassa è la cassa nazionale di previdenza ed assistenza per ingegneri e architetti che svolgono la loro attività come liberi professionisti e non godono di altra copertura assicurativa

da

ABCRisparmio

Come si effettua il riscatto della laurea

Come si effettua il riscatto della laurea

Il riscatto della laurea consente di considerare validi per la pensione gli anni trascorsi all’università, come se si fosse lavorato anziché studiato Continua »