NAVIGA IL SITO

Mediobanca: in calo l'utile. Dividendo a 0,05 euro

Mediobanca ha chiuso l'esercizio 2011/2012 con un utile netto di gruppo ha toccato gli 81 milioni di euro, in sensibile calo dai 369 milioni di euro dell’esercizio 2010/2011

di Mauro Introzzi 20 set 2012 ore 14:44
Mediobanca ha chiuso l'esercizio 2011/2012 con un margine di interesse in calo dell’11,1%, da 429,3 a 381,6 milioni di euro, “per il generalizzato aumento del costo della provvista ed la programmata riduzione degli impieghi leasing”.
In rialzo i  proventi da negoziazione, passati da 169,2 a 256,4 milioni di euro mentre le commissioni e gli altri proventi sono diminuiti del 12,5% da 315,1 a 275,6 milioni di euro

Le rettifiche su crediti, pari a 134,2 milioni di euro, sono aumentate dai 100,3 milioni di euro dell’esercizio precedente “per i maggiori accantonamenti nel comparto wholesale, principalmente su posizioni in bonis, a causa del peggioramento dei rating interni assegnati

In sensibile rialzo le rettifiche/perdite del portafoglio titoli,
pari a 381,7 milioni dai 150,2 milioni di euro dell’esercizio precedente. Tali rettifiche/perdite riguardano per 141,1 milioni svalutazioni sul debito pubblico greco; per 39,1 milioni realizzi netti (principalmente azioni); per 36,5 milioni adeguamenti “automatici” su azioni quotate e per 228 milioni rettifiche su partecipazioni non quotate.

L’utile netto di gruppo ha toccato gli 81 milioni di euro,
in sensibile calo dai 369 milioni di euro dell’esercizio 2010/2011.
La posta si è rivelata inferiore al consensus di 95 milioni di euro.

Il consiglio ha deliberato di proporre all’assemblea degli azionisti l’assegnazione di un dividendo unitario di 0,05 euro, che verrà prelevato dalle riserve. L’importo verrà messo in pagamento dal 22 novembre prossimo con data stacco il precedente 19 novembre 2012.

Tutte le ultime su: mediobanca , dividendi , primo semestre 2012
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.