NAVIGA IL SITO

Mediaset 2020: le strategie e i target

Mediaset ha alzato il velo sul suo piano al 2020, ribattezzato “Mediaset 2020”. Nel corso di una presentazione a Londra il gruppo ha illustrato alla comunità finanziaria le linee guida per i prossimi anni

di Mauro Introzzi 18 gen 2017 ore 15:05

Mediaset ha alzato il velo sul suo piano al 2020, ribattezzato “Mediaset 2020”. Nel corso di una presentazione a Londra il gruppo ha illustrato alla comunità finanziaria le linee guida delle strategie per i prossimi anni, analizzate nelle scorse ore dal consiglio di amministrazione del Biscione.
L’obiettivo del piano è quello di rafforzare la leadership pubblicitaria crossmediale costruita dal gruppo negli ultimi anni su tv, internet e radio.

 

MEDIASET 2020, DIRETTRICI DI CRESCITA

Secondo quanto già comunicato il gruppo punta a crescere su due direttrici:
- attraverso lo sviluppo di contenuti locali e internazionali, innovative partnership internazionali come la recente Studio 71, nuovi contenuti “online first” e il lancio di una piattaforma Over-the-top di Advertising Video-on-Demand di nuova generazione,
- attraverso lo sviluppo anche digitale dell’offerta pubblicitaria Mediaset.

Sul lato delle efficienze, invece:
- sono già operative le attività con Mediaset España per la coproduzione internazionale di contenuti, attività estendibili anche ad altri broadcaster europei,
- il gruppo punta su una rifocalizzazione dell’area pay tv organizzata su due piani. Rendere disponibili i canali pay prodotti da Mediaset anche ad altri operatori, e contemporaneamente aprire la piattaforma tecnologica Premium - unica esistente in Italia sul digitale terrestre - a tutti i produttori di contenuti interessati a un’offerta pay.

 

TARGET DI MEDIASET 2020

Tutte queste attività produrranno una crescita della quota di mercato pubblicitario totale di Mediaset dal 37,4% di oggi a oltre il 39,0% nel 2020. Con un miglioramento, sempre al 2020, del reddito operativo delle attività media italiane atteso per 468 milioni di euro.

 

MEDIASET 2020, IL CONTRIBUTO DI PREMIUM E DELLE ALTRE AZIONI

mediaset-premiumSecondo quanto indicato nelle slide della presentazione "Linee guida e target finanziari di medio termine" presentata a Londra in occasione dell’annuncio di Mediaset 2020, il contributo della pay-tv Mediaset Premium alla crescita del reddito operativo lordo di Mediaset Italia sarà pari a 200 milioni a fine piano.

Si tratta di buona parte dei complessivi 468 milioni previsti per il 2020. Altri 123 milioni dovrebbero arrivare da miglioramenti organizzativi, 90 dall'incremento delle quote di mercato sul mercato pubblicitario italiano, 45 dal miglioramento del mix di investimenti e ottimizzazione e 10 dall'esecuzione del piano sul business radiofonico.

 

MEDIASET, COME APPROCCERÀ IL CALCIO

Durante la presentazione del piano il gruppo ha dichiarato che l’attività di Premium dovrà essere sostenibile indipendentemente dall'esito delle aste sui diritti del calcio. Sul comparto manterrà un approccio definito “opportunistico”.

 

MEDIASET, UN OCCHIO ALLE RADIO

Nel corso dell’ufficializzazione del piano alla comunità finanziaria i vertici di Mediaset hanno definito le loro strategie nel comparto delle radio. Il 2016 è stato infatti l’anno in cui è nata RadioMediaset, il polo che raccoglie le partecipazioni detenute in R101, Radio 105 e Virgin Radio. Il gruppo si è detto “pronto a cogliere altre opportunità di consolidamento nel settore”.

Tutte le ultime su: mediaset , mediaset premium
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.