NAVIGA IL SITO

Mazzoncini (A2A): "Rinnovabili e smaltimento rifiuti, così A2A lancia la sfida all'Europa" (Affari & Finanza - La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 22 feb 2021 ore 07:44 Le news sul tuo Smartphone

a2a_6Il nuovo piano industriale da 16 miliardi di euro al 2030 di A2A è più che mai ambizioso, e punta alla conquista non solo del mercato italiano, ma di quello europeo. Tra gli obiettivi c'è quello di raggiungere una quota di fonti alternative all'estero del 25% sul nostro totale e nel waste to energy c'è l'intenzione di rilevare due grandi impianti.

Affari & Finanza di Repubblica ha intervistato, a cura di Luca Pagni, Renato Mazzoncini da meno di un anno alla guida di A2A. 10 anni - l'orizzonte di piano - sono tanti, ma il settore energia richiede infrastrutture complesse che non possono essere immaginate in contesti più brevi.

L'obiettivo di A2a è quello di diventare un'operatore europeo: un passo da gigante per una società considerata una utility locale. "Appena arrivato in A2A ho cancellato la business unit estero. Volevo dare un messaggio: il nostro mercato domestico è l'Europa.", afferma Mazzoncini, il quale rimane aperto a possibili offerte di fusione o aggregazione, senza distogliere l'attenzione dal suo approccio industriale.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: a2a