NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Marchionne, un pieno di titoli Ferrari (La Repubblica)

Marchionne, un pieno di titoli Ferrari (La Repubblica)

di Mauro Introzzi 7 gen 2016 ore 07:29 Le news sul tuo Smartphone

sergio-marchionne_1Il quotidiano rileva - riprendendo i dati Afm (la società di controllo della Borsa di Amsterdam) - che Sergio Marchionne possiede 1,42 milioni di azioni Ferrari, equivalenti a più di 64 milioni di euro ai prezzi di Borsa attuali. E, visto che la distribuzione dei titoli del Cavallino Rampante è avvenuta in ragione di un titolo ogni dieci di Fca posseduti Marchionne possiede 14,2 milioni di azioni Fca, l’1,12% del capitale sociale del Lingotto.
Exor, la controllante della famiglia Agnelli possiede invece il 23,5% del capitale della Rossa e, grazie alle leggi olandesi, ha diritti di voto per il 33,4%. Un patto di sindacato con Piero Ferrari, figlio di Enzo, fa salire poi i diritti di voto delle famiglie Agnelli-Ferrari al 48,8%. E secondo quanto è scritto nel filing che presenta l’operazione di scorporo Exor si riserva di aumentare eventualmente la quota a Maranello. A Torino si fa comunque notare che l’indicazione è normalmente inserita in modo precauzionale in tutti i documenti di questo genere.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Come si verifica una partita Iva?

Come si verifica una partita Iva?

La partita Iva è un codice numerico rilasciato dall'Agenzia delle Entrate a tutti i soggetti esercitanti un’attività rilevante ai fini della tassazione sul valore aggiunto Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2018: istruzioni compilazione e scadenza

730 precompilato 2018: istruzioni compilazione e scadenza

Dal 16 aprile sul sito della Agenzia delle entrate sarà disponibile il modello 730 precompilato 2018. Può essere una importante semplificazione per che deve fare la dichiarazione dei redditi Continua »