NAVIGA IL SITO

Lottomatica, il rinnovo del Lotto mette le ali al titolo

La nuova scadenza è stata fissata per il giugno 2016 rispetto al 17 aprile del 2012 fissato in precedenza. Si può facilmente intuire che l’allungamento della concessione dà maggiore visibilità sugli introiti di Lottomatica. Per i prossimi 11 anni, quindi, la società gestirà in esclusiva quello che è il gioco più amato dagli italiani. Altre notizie positive sono arrivate dagli introiti del "Gratta e Vinci". In calo, invece, gli incassi derivanti dal Lotto nel mese di luglio.

di La redazione di Soldionline 5 ago 2005 ore 11:33

Rally improvviso di Lottomatica nell'ultima seduta della settimana a Piazza Affari. Il titolo è partito di gran carriera, superando di slancio quota 30 euro, con volumi nettamente superiori alla media delle ultime trenta sedute (poco meno di 300mila pezzi). I massimi storici toccati da Lottomatica a inizio febbraio, quando il titolo era arrivato a superare i 32 euro, sono meno lontani, considerando che il valore di chiusura di ieri era di 28,33 euro.

Ma cosa ha dato la spinta al titolo?
Proprio ieri i vertici di Lottomatica hanno comunicato di aver ottenuto il prolungamento per quattro anni della concessione del gioco del Lotto. La nuova scadenza è stata fissata per il giugno 2016 rispetto al 17 aprile del 2012 fissato in precedenza. La decisione è arrivata per via giudiziaria, dal collegio arbitrale incaricato da Lottomatica e da Aams di esprimersi sulla effettiva data di scadenza della concessione. Si può facilmente intuire che l'allungamento della concessione dà maggiore visibilità sugli introiti di Lottomatica. Per i prossimi 11 anni, quindi, la società gestirà in esclusiva quello che è il gioco più amato dagli italiani.

Altre notizie positive sono arrivate dagli introiti del 'Gratta e Vinci'. Il Consorzio lotterie nazionali, formato dalla stessa Lottomatica, Arianna 2001, Olivetti Tecnost e Servizi Base 2001, ha comunicato che dal giugno 2004 al giugno 2005, l'erario è riuscito a raccogliere un miliardo di euro, tramite la vendita di 640 milioni di biglietti. Ma la soddisfazione dei vertici di Lottomatica è dovuta al raggiungimento dell'obiettivo del rilancio di un gioco, che, dopo il boom registrato in avvio, ha subito un periodo di appannamento.

Queste due notizie hanno più che compensato il calo degli incassi derivanti dal gioco del Lotto nel mese di luglio. Nei giorni scorsi, infatti, Lottomatica aveva comunicato che gli incassi erano scesi a 533,2 milioni di euro, contro gli 815,8 milioni dello stesso mese del 2004. I vertici della società avevano precisato che il calo era stato determinato dalla flessione degli introiti derivanti dai numeri ritardatari, crollati da 309 milioni a 82,5 milioni di euro. In effetti, è mancato il '53' sulla ruota di Venezia... Il calo della raccolta derivante dalle giocate di base (escludendo quindi i numeri ritardatari) è stato più limitato, da 507 milioni a 450,7 milioni di euro. Infine i vertici di Lottomatica hanno precisato che le vincite nel mese di luglio sono state pari a 237,4 milioni di euro, rispetto ai 542,4 milioni dello stesso mese dello scorso anno.


Per commenti, critiche, suggerimenti scrivete a: edoardofagnani@soldionline.it


Leggi tutti i dividendi di Piazza Affari


Leggi i precedenti "casi del giorno"

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.