NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » IPO – YOOX Group sfida Piazza Affari

IPO – YOOX Group sfida Piazza Affari

L’azienda ha iniziato l'attività con il negozio online multi-marca yoox.com, destinato alla vendita di prodotti di abbigliamento, calzature ed accessori di moda

di Edoardo Fagnani 18 nov 2009 ore 16:36

Ipo di YOOX Group, partecipare o meno? Discutine sul forum


yoox2Tornano le IPO a Piazza Affari, ad oltre un anno dall’ultimo collocamento (l’ultima società a sbarcare sul mercato azionario italiano era stata Ternienergia il 25 luglio del 2008). Toccherà a YOOX Group spezzare questo digiuno, in quella che dovrebbe essere l’unica quotazione dell’anno.
L’offerta è iniziata lunedì 16 novembre e terminerà lunedì 30 novembre alle 16.30. La società dovrebbe debuttare a Piazza Affari il 3 dicembre.
La quotazione di YOOX Group avverrà tramite un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione. Delle 24,3 milioni di azioni che saranno messe sul mercato, 6,24 milioni arriveranno da un aumento di capitale dedicato, mentre le restanti 18,1 milioni saranno messe a disposizione dagli attuali azionisti. In caso di esercizio della greenshoe (poco meno di 3,7 milioni di azioni messe in vendita dai vecchi soci), arriveranno sul mercato complessivamente poco meno di 28 milioni di azioni di YOOX Group. Gli azionisti venditori saranno sia i fondi di private equity che hanno finanziato l’azienda nella fase di inizio dell’attività, che i manager dell’azienda, tra cui il fondatore e attuale amministratore delegato Federico Marchetti. Tuttavia, il numero uno non venderà l’intera quota, che sarà destinata a crescere nuovamente tramite l’esercizio delle stock option assegnate negli ultimi esercizi.
In caso di sottoscrizione integrale delle azioni offerte, il flottante dell’azienda si attesterà al 48,3%, quota che potrebbe salire al 55,5% qualora fosse esercitata integralmente la greenshoe. In caso di esercizio integrale delle stock option assegnate al management, il flottante si ridurrebbe al 46,2%. YOOX Group, quindi, potrebbe essere subito contendibile nel momento in cui sbarcherà a Piazza Affari
La forchetta indicativa di prezzo è stata fissata tra i 3,6 euro e i 4,5 euro per azione, che equivale a una differenza del 25% tra gli estremi. Sulla base di questa indicazione e supponendo la sottoscrizione integrale delle azioni derivanti dall’aumento di capitale, l’intera società è stata valorizzata tra i 181,45 milioni e i 226,82 milioni di euro. Il collocamento dovrebbe portare nelle casse di YOOX Group nuove risorse per un ammontare compreso tra i 22,46 e i 28,2 milioni di euro, al lordo dei costi di quotazione.
Il lotto minimo è di 1.000 azioni (10mila per il lotto minimo maggiorato, cui è stato riservato fino al 30% dell’offerta pubblica). Per partecipare all’offerta, quindi, bisognerà spendere una cifra minima compresa tra i 3,6mila e i 4,5mila euro.
Nel prospetto informativo YOOX Group ha precisato che i fondi di investimento hanno preso l’impegno di non vendere le azioni detenute in portafoglio per un periodo di 6 mesi. Il vincolo di lock-up per il management, invece, è stato fissato tra i 12 e i 24 mesi.
Sempre nel prospetto informativo YOOX Group ha ricordato che il 16 marzo del 2009 è stato effettuato un aumento di capitale, che ha permesso l’ingresso di Red Circle S.r.l. Unipersonale (holding facente capo a Renzo Rosso, azionista di riferimento di Diesel) nel capitale della società. Il prezzo di sottoscrizione delle azioni (rettificato per il successivo frazionamento azionario) è stato determinato in 2,53 euro, vale a dire un valore inferiore alla forchetta di prezzo del collocamento. I vertici di YOOX Group hanno precisato che le logiche di determinazione del prezzo di emissione utilizzate in occasione di questa operazione differiscono dalle metodologie di valutazione utilizzate per la determinazione dell’intervallo di valorizzazione per l’IPO, in considerazione del fatto che l’operazione riveste anche una valenza industriale in quanto ha consentito l’ingresso in YOOX Group di un partner strategico.


L’attività
yoox_sitoYOOX, società holding del gruppo YOOX, è stata fondata nel febbraio del 2000. L’azienda ha iniziato la propria attività con l’apertura, nel 2000, del negozio online multi-marca “yoox.com” (inizialmente attivo in Italia e nei paesi dell’Unione Europea) destinato alla vendita di prodotti di abbigliamento, calzature ed accessori di moda. Nel 2002 YOOX Group ha costituito la filiale statunitense, mentre il 2004 ha rappresentato l’anno dello sbarco in Giappone. Nel 2006 sono nati gli Online Store per alcune delle principali aziende della moda a livello internazionale. Il primo di questi “negozi” è stato Marni. Nel 2008 è nata TheCorner.com, un nuovo negozio on-line multimarca.
L’attività di YOOX Group è articolata su due linee di business:
- linea di business multi marca: questo segmento di mercato comprende yoox.com e thecorner.com. Yoox.com offre un assortimento di abbigliamento, calzature e accessori di qualità relativi alla collezione della corrispondente stagione dell’anno precedente di noti brand, a prezzi ridotti. A completamento di un’offerta ricercata, offre anche una selezione di collezioni esclusive (realizzate solo per yoox.com), capi vintage, edizioni speciali di stilisti e designer di tendenza, nonché libri, oggetti d’arte e di design. Thecorner.com, invece, è un negozio on-line multimarca concepito come uno spazio virtuale che contiene una selezione di mini-negozi, ciascuno dedicato ad un singolo brand caratterizzato da una distribuzione relativamente limitata.
- linea di business mono marca: comprende le attività di progettazione, realizzazione e gestione in esclusiva degli Online Store di alcuni dei principali brand della moda a livello globale, per i quali il YOOX Group rappresenta il partner strategico per questo canale di vendita. I prodotti disponibili negli Online Store sono venduti e fatturati direttamente da YOOX al cliente finale. Inoltre, i contratti con le singole marche sono a lungo termine (oltre i 5 anni). Al momento della quotazione sono quindici gli Online Store gestiti da YOOX Group. Tra questi si segnalano Emporio Armani, Diesel e Valentino. I vertici della società hanno ricordato che nell’ultimo trimestre del 2009 inizierà ad essere operativo l’Online Store a marchio Roberto Cavalli.
I vertici della società hanno precisato che nei primi nove mesi del 2009 i siti Internet del gruppo hanno registrato 5,9 milioni di utenti unici, mentre gli ordini spediti sono stati 837mila, vale a dire un ordine ogni 28 secondi. Due terzi sono clienti donne, in quasi tutti i 57 mercati in cui YOOX Group è presente.
La società, quindi, ha un’anima internazionale. L’Italia pesa per meno del 30% del fatturato complessivo del gruppo.
Alla data del prospetto informativo, YOOX poteva contare su 278 dipendenti, rispetto ai 219 di inizio anno.

Tutti gli articoli su: ipo yoox , yoox net a porter group
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Guida completa al contratto di prestazione occasionale: le novità 2018

Guida completa al contratto di prestazione occasionale: le novità 2018

Con prestazione occasionale si intende una fattispecie di contratto attraverso il quale una parte assume l’altra a svolgere un determinato lavoro per un breve periodo di tempo Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »