NAVIGA IL SITO

SISAL: stime, dividendi e multipli

Il gruppo SISAL, nelle attese dei suoi vertici, dovrebbe tornare in utile nel 2015 dopo 3 anni di perdite. Ecco come si colloca la valutazione del gruppo rispetto ai competitor

di Mauro Introzzi 8 lug 2014 ore 11:02
Come per tutte le aziende che si quotano, il management di SISAL non ha potuto fornire stime puntuali per l’esercizio in corso. Tuttavia, nel prospetto informativo preparato per il collocamento, il gruppo ricorda che lo scorso aprile il consiglio di amministrazione di SISAL ha approvato il piano industriale relativo al periodo 2014-2016, che riflette la strategia e gli obiettivi del gruppo. Il piano in oggetto è stato elaborato senza tener conto degli effetti connessi all’operazione di quotazione delle azioni a Piazza Affari: sia dei costi connessi direttamente alla stessa ma anche quelli relativi alla campagna pubblicitaria e ai bonus che saranno pagati al top management in caso di esito positivo della suddetta quotazione.
Di questo piano, però, la società non presenta alcuna stima numerica e mette in evidenza a chiare lettere che “il Documento di Registrazione non contiene alcuna previsione o stima sugli utili dell’esercizio in corso o degli esercizi futuri”.

LEGGI ANCHE: IPO SISAL: dettagli quotazione in Borsa

sisal2SISAL: DATI PREVISIONALI

Nella nota relativa alla continuità aziendale inclusa nel Bilancio Consolidato viene indicato che gli amministratori prevedono, sulla base del piano industriale, “un recupero di redditività già a partire dal prossimo esercizio”. Nella circostanza, gli amministratori della società hanno accertato l’esistenza della continuità aziendale, stimando che la redditività per l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2014 sarà migliore di quella registrata nell’esercizio chiuso al 31 dicembre 2013.

Più in dettaglio, gli amministratori hanno stimato che l’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2014 registrerà un perdita consolidata e un EBITDA consolidato rispettivamente inferiore e maggiore rispetto quanto registrato per l’esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 senza tener conto del costo sostenuto nell’esercizio 2013 per la definizione agevolata del contenzioso sugli Apparecchi da Intrattenimento. In altre parole la perdita consolidata del 2014 sarà inferiore a 22 milioni di euro mentre il reddito operativo lordo consolidato sarà pari a 166 milioni di euro.

Il documento di registrazione segnala che a fine maggio 2014 i ricavi gestionali consolidati risultano in crescita del 6,4%, rispetto al corrispondente periodo del 2013, e sostanzialmente in linea con il budget. Il margine operativo lordo è superiore a quello registrato nel corrispondente periodo dell’esercizio 2013 e a quanto stimato nel piano industriale per tale periodo, rispettivamente del 4,6% e del 3,4%.

SISAL: UTILE NEL 2015

Durante la presentazione della società alla comunità finanziaria i vertici del gruppo hanno dichiarato che prevedono di tornare all’utile nel 2015, dopo 3 anni di perdite.
Perdite che, tuttavia, sono derivate – secondo quando evidenziano i vertici - da poste non ricorrenti. A tal proposito il numero uno della società ha escluso per il futuro contenziosi significativi che potrebbero incidere sui prossimi bilanci.

SISAL: POLITICA DEI DIVIDENDI
Sempre durante la presentazione della società alla comunità finanziaria il responsabile finanziario della società, Corrado Orsi, ha dichiarato che non è stata definita una politica dei dividendi. La strategia sulle cedole sarà elaborata in seguito, tenendo in considerazione alcune limitazioni legate all’indebitamento del gruppo.

IPO SISAL, MULTIPLI E VALUTAZIONE
Sulla base del prezzo massimo indicato dai vertici della società (7,7 euro per azione), la capitalizzazione iniziale di SISAL (supponendo la sottoscrizione integrale delle nuove azioni) supererebbe di pochissimo il miliardo di euro. Di conseguenza, nel caso il titolo confermasse o migliorasse questa valutazione dopo il collocamento a Piazza Affari, la compagnia potrebbe entrare a far parte di uno di maggiori panieri di Borsa Italiana (probabilmente quello dei titoli a media capitalizzazione) in occasione delle prossime revisioni.

LEGGI ANCHE: IPO SISAL, l'analisi dei dati di bilancio

Considerando che il bilancio 2013 si è chiuso con una rosso non è possibile calcolare alcun multiplo sugli utili e bisogna focalizzarsi su altri indicatori. Il rapporto tra Enterprise value (dato dalla somma tra capitalizzazione post aumento di capitale e dell’indebitamento finanziario al 31 marzo 2014 aggiustato per gli effetti dell’operazione) e margine operativo lordo adjusted del 2013 si collocherebbe tra 7,4 e 8,2 mentre il rapporto tra Enterprise value e flussi di cassa operativi (sempre al 31 dicembre 2013) si collocherebbe invece tra 11,2 e 12,5.

Nel prospetto informativo i vertici di SISAL hanno confrontato questi numeri con i multipli calcolati per aziende attive negli stessi settori di attività. Le società del comparto dei “giochi e scommesse” hanno Enterprise Value su margine operativo lordo tra 6 (l’italiana GTECH) e 9,4 (la britannica William Hill) con una media di 7,9 volte e una mediana di 8,4 volte mentre il multiplo Enterprise value su flussi di cassa operativi va da un minimo di 8,8 (GTECH) a un massimo di 14,7 volte (la britannica Ladbrokes) con una media di 11,8 volte e una mediana di 12 volte.

Le società del comparto “pagamenti e servizi” hanno Enterprise Value su margine operativo lordo tra 13,4 (l’americana Euronet) e 21,3 (QIWI, quotata al Nasdaq) con una media di 16,6 volte e una mediana di 15,1 volte mentre il multiplo Enterprise value su flussi di cassa operativi va da un minimo di 17,4 (Euronet) a un massimo di 24,4 volte (QIWI) con una media di 20,4 volte e una mediana di 19,5 volte.
Tutte le ultime su: ipo sisal , sisal
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »