NAVIGA IL SITO

IPO Moleskine, la strategia

La strategia fa perno su tre assi: aumento della conoscenza e della notorietà della marca, espansione dell’offerta prodotto e ampliamento e ottimizzazione della distribuzione

di Edoardo Fagnani 26 mar 2013 ore 16:57
Nel caso di sottoscrizione integrale delle 12 milioni di nuove azioni al prezzo massimo di 2,65 euro, Moleskine potrebbe incassare fino a 31,8 milioni di euro, al lordo dei costi di quotazione.
Nel corso della presentazione della società alla comunità finanziaria i vertici dell’azienda hanno precisato che con i soldi incassati con la quotazione sarà rimborsato parzialmente il debito nei confronti degli istituti di credito, il cui ammontare residuo, a fine novembre 2012, ammontava a circa 55 milioni di euro.
Nel documento informativo Moleskine ha precisato che la strategia è volta a coniugare l’incremento dei propri risultati di lungo periodo con il rafforzamento del brand al fine di creare valore per gli azionisti. In particolare, la strategia fa perno su tre assi:
- Aumento della conoscenza e della notorietà della marca. Moleskine continuerà a valorizzare il brand, aumentandone la visibilità, con l’obiettivo di rafforzarne il posizionamento. Di conseguenza, il gruppo intende continuare nell’attività comunicativa, incentrata sulla organizzazione di eventi, sul presidio dei punti vendita e su un’estesa presenza on-line, con particolare riferimento al mondo artistico, della cultura e del design. Inoltre, lo sviluppo della rete distributiva, soprattutto nelle aree in cui l’azienda è meno presente (Cina, Sud Pacifico, Sud America) potrebbe contribuire in maniera significativa al rafforzamento a livello globale della propria notorietà.
- Espansione dell’offerta prodotto. Con riferimento alle Collezioni Paper (collezioni di taccuini, agende e prodotti “home-office”), Moleskine punta a consolidare i prodotti esistenti e continuare l’espansione dell’assortimento delle collezioni, integrandole in modo tale da soddisfare nuove occasioni d’acquisto ed esigenze di specifiche aree geografiche. Con riferimento alle Collezioni WTR (accessori per la scrittura, il viaggio e la lettura) Moleskine prevede di consolidare i prodotti esistenti e proseguire nella naturale evoluzione delle collezioni ampliandone l’offerta per aumentare l’incidenza sui ricavi totali. Infine, in merito ai Prodotti e servizi digitali Molekine punta a sviluppare nuove fonti di ricavi, attraverso l’offerta di prodotti e strumenti che, tra l’altro, consentano di trasferire contenuti dall’ambito analogico a quello digitale e viceversa con facilità.
- Ampliamento e ottimizzazione della distribuzione. Moleskine punta ad ampliare il network distributivo, che potrebbe creare opportunità di business aggiuntivo: il focus su B2C e B2B. In questo ultimo segmento l’azienda continuerà ad espandere l’attività, proseguendo nel potenziamento e nell’ottimizzazione della struttura organizzativa a livello locale nei vari Paesi (Europa, USA e Cina) per garantire una copertura efficace del territorio e permettere un approccio proattivo verso la clientela business, volto ad espandere la base clienti e a incrementarne i volumi generati. Inoltre, la società proseguirà nella validazione di un modello retail che richiede bassi investimenti e permette il raggiungimento del punto di pareggio in tempi ridotti. Infine, Moleskine continuerà a sviluppare il canale di vendita e-Commerce, considerato strategico poiché consente di ampliare significativamente la base clienti, con notevoli benefici dal punto di vista della comunicazione e della diffusione del brand.
Tutte le ultime su: ipo moleskine
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.