NAVIGA IL SITO

IPO, IBL Banca punta allo STAR

La società punta a esordire a Piazza Affari il 17 novembre. La quotazione avverrà tramite un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione

di Edoardo Fagnani 2 nov 2015 ore 12:13

Dopo il maxicollocamento di Poste Italiane a Piazza Affari tornano protagoniste le società a media capitalizzazione. In questi giorni è in corso il collocamento di IBL Banca, che punta a quotarsi al segmento STAR.
L’offerta pubblica è partita venerdì 30 ottobre e terminerà mercoledì 11 novembre alle ore 13.30. La società punta a esordire a Piazza Affari il 17 novembre.

LEGGI ANCHE: IPO IBL Banca, le caratteristiche

IPO IBL BANCA: SARA’ UN’OPVS
La quotazione di IBL Banca avverrà tramite un’offerta pubblica di vendita e sottoscrizione, per un ammontare totale di oltre 17,41 milioni di azioni. Buona parte delle azioni messe sul mercato sarà venduta dagli attuali azionisti di riferimento (Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna).
mario-giordanoNel dettaglio, 7,25 milioni di titoli saranno di nuova emissione, frutto di un aumento di capitale deliberato per l’occasione. Le restati 10,16 milioni di azioni, invece, saranno messe a disposizione in quote uguali da Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna. Delta 6 Partecipazioni è una società di diritto italiano controllata dall’amministratore delegato Mario Giordano per il tramite di una partecipazione pari al 100%. Sant’Anna è una società di diritto italiano partecipata per il 33,3% del capitale da Carlo d’Amelio, per il 33,3% da Anna d’Amelio e per il 33,3% da Roberta d’Amelio. Carlo d’Amelio è membro del consiglio di amministrazione di IBL Banca.
L’offerta potrebbe salire fino a oltre 19,15 milioni di azioni in caso di esercizio integrale della greenshoe a disposizione dei collocatori (1,74 milioni di azioni). Questi titoli saranno ceduti in quote paritetiche da Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna.
In caso di sottoscrizione integrale delle azioni offerte, il flottante dell’azienda sarà pari al 35%, quota che potrebbe salire al 38,5% qualora fosse esercitata integralmente la greenshoe.

IPO IBL BANCA: L’AZIONARIATO
Alla data del prospetto informativo il capitale di IBL Banca, pari a 42.500.000 azioni, fa capo a Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna. Entrambi gli azionisti detengono il 50% della compagnia.
Supponendo l’integrale sottoscrizione delle azioni offerte la quota unitaria dei due azionisti scenderà al 32,5%. In caso di esercizio integrale della greenshoe la quota unitaria di Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna si ridurrà al 30,75%.

Grafico – L’azionariato di IBL Banca post-IPO (supponendo la sottoscrizione della greenshoe)
azionisti-ibl-banca

IPO IBL BANCA: IL PREZZO DELLE NUOVE AZIONI
La forchetta indicativa di prezzo è stata fissata tra i 9,25 euro e gli 11,25 per azione, che equivale a una differenza del 21,6% tra gli estremi.
Sulla base di questa indicazione IBL Banca è stata valorizzata tra i 460,2 milioni e 559,7 milioni di euro, supponendo l’integrale sottoscrizioni delle nuove azioni, che porterebbe il capitale sociale a 49,75 milioni di azioni.

IPO IBL BANCA: QUANTO COSTA PARTECIPARE ALL’OFFERTA?
ibl-banca2Nel prospetto informativo la società ha precisato che il 90% circa delle azioni offerte sarà destinato agli investitori istituzionali, mentre solo il restante 10% è riservato al retail.
Il lotto minimo è di 500 azioni (5mila per il lotto minimo maggiorato, cui è stato riservato fino al 50% dell’offerta pubblica). Per partecipare all’offerta, quindi, bisognerà spendere una cifra minima compresa tra i 4.625 e i 5.625 euro. Per i dipendenti il lotto minimo è stato fissato a 100 azioni. IBL Banca ha precisato che a ciascun dipendente verrà garantita l’assegnazione di un quantitativo di azioni pari a 5 lotti minimi per i dipendenti.
La compagnia ha segnalato che, qualora le adesioni pervenute ai collocatori da parte del pubblico indistinto risultino superiori alla quota ad essi destinata, i proponenti si riservano la facoltà di ridurre il quantitativo di azioni costituenti il lotto minimo da 500 azioni a 250 azioni.
Nel prospetto informativo la compagnia ha aggiunto che, qualora il quantitativo offerto risulti insufficiente all’assegnazione di un lotto minimo a ciascun richiedente, i lotti minimi saranno singolarmente attribuiti dal responsabile del collocamento ai richiedenti mediante estrazione a sorte, da effettuarsi con modalità che consentano la verificabilità delle procedure utilizzate e la loro rispondenza a criteri di correttezza e parità di trattamento.

IPO IBL BANCA: LOCK-UP E IMPEGNI DI SOTTOSCRIZIONE
Nel documento che accompagna l’operazione IBL Banca ha precisato che Delta 6 Partecipazioni e Sant’Anna si sono impegnate a non cedere le restanti azioni in possesso per un periodo di 360 giorni, decorrenti dalla data di inizio delle negoziazioni dei titoli.
Sempre nel prospetto informativo la società ha segnalato né l’azionista venditore, né i membri del consiglio di amministrazione o del collegio sindacale intendono aderire all’offerta pubblica.
Inoltre, nessuno intende aderire all’operazione per più del 5%.

Tutte le ultime su: ibl banca , ipo ibl banca
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »