NAVIGA IL SITO

IPO ENAV, l’azienda ai raggi X

ENAV è affidataria da parte dello Stato italiano della responsabilità sulla gestione e sul controllo del traffico aereo civile nello spazio aereo italiano

di Edoardo Fagnani 14 lug 2016 ore 10:45

ENAV è stata costituita ai sensi delle disposizioni della Legge 665, in forza della quale la precedente “Azienda Autonoma di Assistenza al Volo per il Traffico Aereo Generale (AAAVTAG)”, struttura indipendente della pubblica amministrazione dello stato italiano, è stata dapprima trasformata in “ente pubblico economico” denominato “Ente Nazionale di Assistenza al Volo” e, successivamente, in data 1° gennaio 2001, ha assunto la corrente forma giuridica di società per azioni, denominata ENAV S.p.A.

ENAV è affidataria da parte dello Stato italiano della responsabilità sulla gestione e sul controllo del traffico aereo civile nello spazio aereo italiano in forza di una previsione normativa contenuta nel Codice della Navigazione. L’attuale quadro normativo non individua altri operatori nei servizi della navigazione aerea civile.
Inoltre, la natura dei servizi e del business svolto, unitamente alle competenze e ai requisiti necessari per lo svolgimento di tali attività, rendono ENAV un monopolio naturale.
Nel prospetto informativo la società ha segnalato di essere il quinto tra i maggiori fornitori di servizi nell’Unione Europea figurando tra i “best performing Service Provider” a livello europeo e globale.

LEGGI ANCHE: IPO ENAV, le caratteristiche

enav3Il core business della società consiste nell’espletamento di attività regolamentate di controllo del traffico aereo. In particolare, l’attività si esplicita nelle fasi di rotta, ossia nella fase in cui l’aeromobile sorvola lo spazio aereo italiano, e nelle fasi di terminale, ovvero nelle fasi di spostamento a terra nell’aeroporto e nelle fasi di decollo e atterraggio, qualora questi avvengano in un aeroporto che ricade nella sfera di competenza di ENAV.
Le attività che costituiscono il core business di ENAV sono altamente regolamentate e sono disciplinate da un complesso quadro di norme internazionali, dell’Unione Europea e nazionali che ne regolano numerosi profili. Il quadro normativo applicabile prevede, tra le altre cose, una pianificazione pluriennale contenuta in un piano di performance, il quale viene condiviso con le autorità nazionali e dell’Unione Europea competenti, e nel quale vengono fissati i livelli di performance, relativamente a diverse aree (segnatamente efficienza dei costi, sicurezza, capacità dello spazio aereo e condizioni ambientali), che ENAV si impegna a raggiungere.
I servizi sono finalizzati a garantire la regolarità e la sicurezza del traffico aereo italiano. Sulla base di quanto riferito dal management, ENAV svolge questa attività 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, con 1,8 milioni di voli controllati all’anno e picchi di movimenti che nei periodi estivi possono arrivare fino a 6.113 voli al giorno.

La figura di seguito riportata illustra le fasi relative al controllo del traffico aereo, simulando il tragitto di un aeromobile da Roma Fiumicino a Milano Malpensa (Fonte: prospetto informativo ENAV)
enav-controllo-traffico-aereo

Nella fornitura dei propri servizi, l’azienda si avvale di infrastrutture di cui è proprietaria e che comprendono, oltre a 43 torri di controllo e quattro centri di controllo di area, diversi impianti e attrezzature. In particolare, gli impianti e le attrezzature necessarie al controllo del traffico aereo in fase di rotta sono presenti nei centri di controllo di area, mentre quelli necessari al controllo del traffico aereo in fase di terminale sono presenti nelle torri di controllo.
Per remunerare l’erogazione dei servizi della navigazione aerea, la normativa europea e italiana prevede che le compagnie aeree corrispondano al fornitore di servizi il pagamento di una tariffa.

Oltre alle attività regolamentate, ENAV svolge anche attività non regolamentate e commerciali consistenti principalmente in servizi di consulenza aeronautica o commesse relative allo svolgimento di servizi sul mercato terzo (vale a dire il mercato non regolamentato), ad esempio fornitori di servizi di altri paesi o gestori di aeroporti.

Tutte le ultime su: enav , ipo enav
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »