NAVIGA IL SITO

Utili in forte crescita nel semestre di IntesaSanpaolo

La banca ha chiuso il primo semestre con un risultato netto positivo in crescita, grazie a un secondo trimestre che è stato il migliore, per alcune poste, degli ultimi nove

di Mauro Introzzi 1 ago 2014 ore 14:19
La banca guidata da Carlo Messina ha chiuso il primo semestre dell'anno con un risultato netto consolidato positivo in grande crescita, grazie a un secondo trimestre che è stato il migliore, per alcune poste economiche, degli ultimi nove quarter. In crescita anche i ratio patrimoniali.

INTESASANPAOLO: I CONTI ECONOMICI DEL PRIMO SEMESTRE 2014

IntesaSanpaolo ha chiuso il primo semestre del 2014 con proventi operativi netti pari a 8,56 miliardi di euro, in salita del 4,7% rispetto agli 8,18 miliardi del primo semestre 2013. Il risultato della gestione operativa è stato pari a 4,43 miliardi di euro, in miglioramento dell’8,1% rispetto ai 4,1 miliardi di di euro del primo semestre, con un cost/income ratio nel primo semestre 2014 in miglioramento al 48,2% dal 49,9% del primo semestre 2013.
Balzo del risultato corrente al lordo delle imposte, pari a 2,17 miliardi di euro e in crescita del 70,3% rispetto ai 1,28 miliardi del primo semestre 2013.
Il risultato netto consolidato è stato così pari a 720 milioni di euro, in miglioramento  del 70,6% rispetto ai 422 milioni del primo semestre 2013. La posta sarebbe stata pari a quasi 1,2 miliardi di euro se si esclude l’aumento retroattivo della tassazione - dal 12% al 26% - della plusvalenza registrata nel 2013 sulla quota detenuta in Banca d’Italia.

intesasanpaolo_3INTESASANPAOLO: I CONTI ECONOMICI DEL SECONDO TRIMESTRE 2014
Il conto economico consolidato del secondo trimestre 2014 evidenzia invece proventi operativi netti pari a 4,46 miliardi di euro, in aumento dell'8,5% rispetto ai 4,11 miliardi del primo trimestre 2014 e del 9,4% rispetto ai 4,07 miliardi del secondo trimestre 2013.
Il risultato netto consolidato è stato invece pari a 217 milioni di euro,
rispetto ai 503 milioni nel primo trimestre 2014 e ai 116 milioni del secondo trimestre 2013. Nel trimestre il gruppo ha contabilizzato imposte per 912 milioni di euro (comprensivi di 443 milioni relativi all’aumento dell’aliquota sulla plusvalenza derivante dalla quota detenuta in Banca d’Italia).

INTESASANPAOLO: AGGREGATI PATRIMONIALI A FINE GIUGNO 2014

A fine giugno i crediti verso la clientela erano pari a 332 miliardi di euro, in diminuzione del 3,4% rispetto al 31 dicembre 2013 e del 7,2% rispetto al 30 giugno 2013.
Il complesso dei crediti deteriorati (in sofferenza, incagliati, ristrutturati e scaduti/sconfinanti) ammonta  a fine giugno a 32,18 miliardi di euro, in aumento del 3,9% rispetto ai 30,99 miliardi del 31 dicembre 2013.
In quest’ambito, i crediti in sofferenza son cresciuti a 13,4 miliardi di euro rispetto ai 12,9 miliardi del 31 dicembre 2013, con un’incidenza sui crediti complessivi pari al 4% (3,8% al 31 dicembre 2013) e un grado di copertura del 63,1% (62,5% a fine 2013).

INTESASANPAOLO: RATIO PATRIMONIALI DEL PRIMO SEMESTRE 2014

I coefficienti patrimoniali al 30 giugno 2014 - calcolati applicando le regole di Basilea 3 risultano pari a:
- 13,2% per il Common Equity ratio, dall'11,9% pro-forma al 31 dicembre 2013,
- 13,7% per il Tier 1 ratio, dal 12,3% pro-forma a fine 2013,
- 17,1% per il coefficiente patrimoniale totale, dai 15,1% pro-forma di fine 2013.

INTESASANPAOLO: PROSPETTIVE PER L'INTERO 2014

La nota della società indica che per il gruppo rimarrà prioritario preservare il carattere di sostenibilità dei risultati da conseguire. Grande attenzione sarà rivolta infatti alle varie azioni volte al rafforzamento della solidità patrimoniale, al costante miglioramento del profilo di rischio e liquidità, oltre agli obiettivi reddituali.
Continuerà il costante presidio dell’efficienza, della produttività e della qualità dell’attivo del Gruppo. Le azioni di repricing, anche per il 2014, consentiranno di contenere in parte le ripercussioni dello sfavorevole contesto atteso sui tassi di mercato.

Contestualmente alla diffusione dei dati è uscita una nota di IntesaSanpaolo in cui il CEO Carlo Messina commenta i dati del semestre.
Tutte le ultime su: intesasanpaolo , primo semestre 2014
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.