NAVIGA IL SITO

Indici in rosso a Piazza Affari: male MPS ed Enel

Borsa Italiana risente anche dello stacco dei dividendi di alcune importanti società. In calo anche la Popolare dell’Emilia Romagna nel giorno in cui ha preso il via l'aumento di capitale

di Edoardo Fagnani 23 giu 2014 ore 10:04
Piazza Affari e le principali borse europee iniziano la giornata con gli indici in ribasso. Borsa Italiana risente anche dello stacco dei dividendi di alcune importanti società.
Il FTSEMib scende dell’1,09%, mentre il FTSE Italia All Share è in calo dello 0,98%. In rosso anche il FTSE Italia Mid Cap (-0,54%) e il FTSE Italia Star (-0,04%).
Wall Street in frazionale rialzo nella seduta di venerdì. L’S&P500 ha guadagnato lo 0,17% a 1.963 punti, dopo aver fissato il nuovo massimo storico a 1.964 punti. Performance simile per il Dow Jones che è salito dello 0,15% a 16.947 punti. Segno più anche per il Nasdaq, che ha recuperato lo 0,2% a 4.368 punti. In pesante ribasso per Oracle (-3,91% a 40,85 dollari), dopo la diffusione dei risultati trimestrali, che hanno evidenziato un utile peggiore delle attese.
Avvio di settimana con pochi spunti per la borsa di Tokyo. L’indice Nikkei ha registrato un progresso dello 0,13% a 15.369 punti.
L’euro rimane intorno ai 1,36 dollari. L’oro si conferma a 1.315 dollari.

CONSULTA le quotazioni dei titoli del FTSE MIB

Banche sempre sotto i riflettori.
La Popolare dell’Emilia Romagna registra un calo dell’1,95% a 6,545 euro. Oggi ha preso il via l’aumento di capitale da 750 milioni di euro. Il prezzo di chiusura di venerdì, pari a 7,35 euro, è stato rettificato a 6,675 euro. Di conseguenza, il prezzo iniziale dei diritti (-10,9% a 0,599 euro) è stato fissato a 0,6725 euro. Intanto, gli analisti di Banca Akros hanno migliorato il giudizio sulla Popolare dell’Emilia Romagna, portandolo da “Reduce” (ridurre) a “Hold” (mantenere). Al contrario, gli esperti hanno ridotto da 6,9 euro a 6,25 euro il prezzo obiettivo, in conseguenza alla revisione del prezzo delle azioni per l’aumento di capitale.
Il Monte dei Paschi di Siena registra una flessione dell’1,47% a 2,152 euro, dopo uno stop per eccesso di ribasso in avvio di giornata.
IntesaSanpaolo è in calo dell’1,26% a 2,342 euro. Il Sole24Ore di domenica ha scritto che l’istituto guidato da Carlo Messina ha confermato la politica dei dividendi, che prevede la distribuzione di 10 miliardi di euro, nel periodo 2014/2017. In particolare, il dividendo relativo all’esercizio 2014 dovrebbe essere pari a un miliardo di euro.
Il Creval passa in negativo e perde lo 0,67% a 1,037 euro. L’istituto ha comunicato che al termine dell'aumento di capitale sono stati esercitati 478.908.730 diritti di opzione per la sottoscrizione di 622.581.349 nuove azioni, pari al 99,62% del totale delle nuove azioni offerte, per un controvalore complessivo 398,45 milioni di euro. 

Enel è in ribasso del 3,65% a 4,274 euro. Oggi il colosso elettrico ha staccato un dividendo di 0,13 euro per azione.

Finmeccanica sale dell’1,86% a 6,86 euro. Secondo quanto scritto su Il Sole24Ore di sabato ci sarebbero quattro soggetti interessati a rilevare il controllo di AnsaldoBreda. In pole position ci sarebbe la canadese Bombardier. Tra altri gli interessati figurerebbero anche la francese Thales e le cinesi China Cnr Corporation e Insigma.

Moncler è in ribasso dello 0,58% a 11,97 euro. Oggi la società ha staccato un dividendo di 0,1 euro per azione. Intanto, l’amministratore delegato del gruppo, Remo Ruffini, ha anticipato che l’andamento dell’azienda nel secondo trimestre è in linea con i target finanziari. Il manager ha puntualizzato che le vendite negli Stati Uniti e in Giappone stanno andando bene.

Salini Impregilo cede l’1,35% a 3,65 euro. La società ha concluso l'operazione di offerta di azioni che ha portato il flottante dell’azienda a Piazza Affari al 40,03%, mentre la quota dell’azionista di riferimento è scesa al 59,97%. Intanto, gli analisti di Banca Akros hanno migliorato il giudizio su Salini Impregilo e ora consigliano l’acquisto delle azioni, sulla base di un prezzo obiettivo di 5,1 euro.
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.