NAVIGA IL SITO

Guala è leader, anche se la marginalità è in calo

Nel prospetto informativo di quotazione i vertici di Guala Closures evidenziano che la società detiene una posizione di leadership assoluta nel segmento della chiusura per bevande alcoliche. La forte posizione competitiva e gli elevati investimenti degli ultimi anni hanno permesso di elevare solide barriere all’entrata. Non piace il recente calo della marginalità. Qualche limitazione alla strategia dell'azienda potrebbe arrivare dal rispetto dei parametri per l'indebitamento.

di La redazione di Soldionline 14 nov 2005 ore 13:49

Punti di forza

- Leader nei segmenti di mercato in cui opera
Nel prospetto informativo di quotazione i vertici di Guala Closures evidenziano che la società detiene una posizione di leadership assoluta nel segmento della chiusura per bevande alcoliche. Secondo alcune ricerche, in questo mercato l'azienda vanta una quota del 58% a livello mondiale, percentuale che sale al 70% se si guarda al solo mercato europeo.
Questo significa che le dimensioni dei principali concorrenti sono estremamente ridotte. Il management di Guala ha evidenziato che la seconda azienda del settore ha una quota di mercato sette volte inferiore.
Inoltre, gran parte dei concorrenti sono divisioni di grandi gruppi multinazionali, che non fanno della chiusura per bevande alcoliche il loro business principale. Di conseguenza gli investimenti di queste aziende non possono essere focalizzati, come quelli di Guala.

- Elevate barriere all'ingresso
Questo punto è strettamente legato al precedente. La forte posizione competitiva e gli elevati investimenti degli ultimi anni hanno permesso di elevare solide barriere all'entrata per potenziali concorrenti. I rapporti di fornitura con i principali clienti (tra cui ci sono grossi marchi internazionali del settore degli alcolici) sono generalmente di lunga durata. Questo rende difficile cambiare il fornitore, anche perché si sarebbe costretti a sostenere ingenti spese per il confezionamento di nuove bottiglie e per la modifica delle campagne pubblicitarie.
L'attività di ricerca e sviluppo, che nel 2004 ha comportato spese per quasi 2 milioni di euro, rappresenta uno dei pilastri fondamentali per la costituzione delle barriere all'entrata. Guala lavora molto sul brand e sul design. I 55 brevetti depositati, infine, rendono molto complesso copiare i prodotti dell'azienda.

Punti di debolezza

- Marginalità in calo
La recente acquisizione di GlobalCap ha pesato sui margini del gruppo. Il rapporto tra margine operativo lordo e ricavi è passato dal 29,2% del 2002, al 28,7% del 2003, per scivolare al 23,1% lo scorso anno (22,1% se si considerano i nuovi principi contabili). Nel primo semestre del 2005 l'Ebitda margin è sceso ulteriormente al 20,7% dal 21,8% della prima metà del 2004. Tuttavia, non c'è da stupirsi, dal momento che è un effetto ricorrente in occasione di questo tipo di operazione.
Questo trend non è coerente con gli elevati multipli di bilancio, derivanti dal prezzo massimo fissato dai vertici dell'azienda.
Qualche segnale di miglioramento è stato evidenziato nel terzo trimestre del 2005, dove il calo della marginalità si è arrestato e si è assistito a una forte crescita dell'utile netto, andando a compensare la perdita di oltre due milioni registrata nei primi sei mesi dell'anno. Per Guala sarà importante confermare questa tendenza.

- Indebitamento
L'indebitamento, che al 31 agosto ammontava a oltre 250 milioni di euro (pari a 3 volte l'ammontare del patrimonio netto), è destinato a scendere drasticamente, alla luce della liquidità che sarà incassata con la quotazione. Se venisse confermato il prezzo massimo di 6,2 euro per azione come valore di collocamento, Guala potrebbe incassare nuova liquidità per circa 113 milioni di euro (al netto delle spese di quotazione). Di conseguenza il rapporto tra indebitamento netto e patrimonio netto scenderebbe nettamente sotto l'unità.
Tuttavia, a inizio ottobre i vertici di Guala hanno siglato un nuovo contratto di finanziamento con un pool di istituti, coordinati da Banca Intesa (la stessa banca che tramite la controllata Caboto è specialista e responsabile del collocamento). Il finanziamento è pari a 160 milioni di euro, a cui si aggiungono altri 20 milioni che serviranno per finanziare eventuali esigenze di cassa del gruppo. Per il mantenimento di questo finanziamento, Guala dovrà rispettare precisi parametri economici e patrimoniali. Inoltre, sono previste delle limitazioni su eventuali nuove operazioni di rifinanziamento e su operazioni di acquisizioni. Anche la politica dei dividendi potrebbe essere penalizzata dal rispetto di questi parametri.


- I multipli di bilancio
- Le previsioni e la strategia
- I dati di bilancio
- L'attività
- Le date e le caratteristiche dell'offerta

Per commenti, critiche e suggerimenti scrivete a: edoardofagnani@soldionline.it
Tutte le ultime su: IPO
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.