NAVIGA IL SITO

Giornata di dividendi. Si scende... no, si sale!

La performance di Milano, in questa prima seduta settimanale, non deve trarre in inganno. I principali indici di Piazza Affari registrano un calo decisamente ampio. Una flessione, però, interamente imputabile allo stacco dei dividendi, che incide in modo sensibile...

di Mauro Introzzi 19 mag 2008 ore 10:58

La performance di Milano, in questa prima seduta settimanale, non deve trarre in inganno. I principali indici di Piazza Affari registrano un calo decisamente ampio. Una flessione, però, interamente imputabile allo stacco dei dividendi, che incide in modo sensibile sui panieri più importanti della borsa italiana.

Ben 24 titoli, tra i 40 dello Standard & Poors/Mib, staccavano la loro cedola. Tutti i bancari, buona parte degli assicurativi e molti tra gli energetici. In quest'ultimo comparto mancano all'appello A2A, Enel e Terna, chiamate a staccare i propri dividendi il prossimo mese di giugno.

I rendimenti di questa tornata (rispetto ai prezzi di chiusura dello scorso venerdì) sono decisamente interessanti. Tralasciando il maxi dividendo di Unipol, che con i suoi 0,4161 euro ha reso il 19,5% ma che pagava anche una cedola straordinaria, va segnalato il rendimento del dividendo di Monte dei Paschi (superiore al 9%), quello di Intesa Sanpaolo (8,2%). Decisamente interessanti anche i dividendi di Unicredit, 0,26 euro, con uno yield di 5,5%, e di Ubi Banca (0,95 euro con un ritorno del 5,4%). Superiore al 5% anche lo yield della Popolare di Milano. Segnale che i bancari, in questa tornata, l'hanno fatta da padroni.

Discreti i rendimenti degli assicurativi. Principalmente per il fatto che nei mesi scorsi, in borsa, hanno sofferto meno dei bancari. Nonostante questo, comunque, il 5,7% di Alleanza, e il 4,3% di Fondiaria-Sai rappresentano ritorni interessanti. Superiore al 3%, infine, quello di Generali.

Tra gli energetici staccavano il dividendo Eni (0,7 euro), Snam Rete Gas (0,13 euro) e Saipem (0,44 euro). I rendimenti dei primi due, rispettivamente del 2,6%, dell'1,5%, sono poco confrontabili con quelli degli altri, visto che sia il Cane a sei zampe che il gruppo che distribuisce il gas hanno staccato a ottobre 2007 un anticipo.

Decisamente generose le società dei media. Il tandem Mediaset e Mondadori hanno regalato yield, rispettivamente, del 7,2% e del 6,2%. Il gruppo del Biscione ha staccato una cedola di 0,43 euro, confermando quella dello scorso anno, mentre la società di Segrate ha pagato un dividendo di 0,35 euro.

Meno interessanti i rendimenti dei cementieri (Italcementi e Buzzi Unicem con il 2,65% e con il 2,2%), del gruppo del lusso Bulgari (con comunque un 4%) e quello degli occhiali Luxottica (2,6%), di Pirelli (2,8%) e del gruppo del risparmio gestito Mediolanum (3% dopo l'anticipo dello scorso novembre).

 

Dividendo

Prezzo di venerdì

Rendimento

Alleanza

0,5

8,682

5,76%

Atlantia

0,37

21,41

1,73%

Popolare Milano

0,4

7,81

5,12%

Banco Popolare

0,6

13,788

4,35%

Bulgari

0,32

7,943

4,03%

Buzzi Unicem

0,42

19,083

2,20%

Eni

0,7

26,61

2,63%

FondiariaSai

1,1

25,71

4,28%

Generali

0,9

27,98

3,22%

IntesaSanpaolo

0,38

4,63

8,21%

Italcementi

0,36

13,604

2,65%

Luxottica

0,49

18,813

2,60%

Mediaset

0,43

5,959

7,22%

Mediolanum

0,115

3,877

2,97%

Mondadori

0,35

5,638

6,21%

Monte dei Paschi

0,21

2,29

9,17%

Pirelli

0,016

0,575

2,78%

Saipem

0,44

29,95

1,47%

Seat

0,0015

0,123

1,22%

Snam RG

0,13

4,304

3,02%

STM

0,09 $

13,38 $

1,05%

UBI Banca

0,95

17,49

5,43%

Unicredit

0,26

4,704

5,53%

Unipol

0,4161

2,14

19,44%

Tutte le ultime su: Dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.