NAVIGA IL SITO

Generali, i conti dei primi 9 mesi del 2018

Generali ha chiuso i primi 9 mesi del 2018 con risultati in crescita e una raccolta, in particolare nel comparto Vita, in aumento. Indici solvency ratio oltre il 200%

di Mauro Introzzi 8 nov 2018 ore 08:28

generali-logoGenerali ha chiuso i primi 9 mesi del 2018 con risultati in crescita e una raccolta, in particolare nel comparto Vita, in aumento. Indici solvency ratio oltre il 200%.

 

GENERALI, DATI ECONOMICI DEI 9 MESI 2018

Nei primi 9 mesi del 2018 Generali ha registrato premi lordi per 49,73 miliardi di euro, in salita del 6,1% rispetto al 47,41 miliardi dello stesso periodo del 2017. Il settore Vita, con un +7,8%, è salito più del comparto Danni (+2,7%).

Il risultato operativo consolidato è stato pari a 3,6 miliardi di euro, in miglioramento del 3,9% rispetto a 12 mesi prima.

Il periodo si è così chiuso con un utile netto a quota 1,86 miliardi, in crescita del 26,8% rispetto ai primi 9 mesi del 2017.

 

GENERALI: I DATI PATRIMONIALI A FINE SETTEMBRE 2018

A fine settembre il patrimonio netto della compagnia ammontava a 23,26 miliardi di euro, in contrazione del 7,2% dai 25,08 miliardi di inizio anno, in conseguenza all’erogazione del dividendo per complessivi 1,33 miliardi di euro e alla riduzione della riserva per utili attribuibili alle attività finanziarie disponibili per la vendita per 2,03 miliardi, derivante dall’andamento dei titoli obbligazionari a seguito dell’ampliamento degli spread.

Sempre a fine settembre l’Economic Solvency Ratio, che indica la solidità patrimoniale della compagnia assicurativa, era pari al 221%, in leggero calo rispetto al 230% di inizio anno, in conseguenza all’aumento dello spread sui titoli governativi italiani. Regulatory Solvency Ratio al 200%.

Alla stessa data gli Asset under Management complessivi di Generali hanno raggiunto quota 490,76 miliardi di euro, dai 486,62 miliardi di inizio anno.

Tutte le ultime su: generali , terzo trimestre 2018
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.