NAVIGA IL SITO

Fincantieri, esordio senza infamia e senza lode

La società ha dovuto ridurre drasticamente il numero di azioni offerte, a causa delle limitate richieste pervenute. L’azionista venditore Fintecna non ha ceduto alcuna azione

di Edoardo Fagnani 3 lug 2014 ore 16:00
Non entusiasmante il collocamento di Fincantieri a Piazza Affari. La società ha dovuto ridurre drasticamente il numero di azioni offerte, a causa delle limitate richieste pervenute.
Avvalendosi della facoltà prevista dal prospetto informativo, infatti, il numero di azioni vendute è stato ridotto da 703,98 milioni a 450 milioni, rivenienti esclusivamente dall’aumento di capitale. Di conseguenza, l’azionista venditore Fintecna non ha ceduto alcuna azione, anche se metterà a disposizione 50 milioni di titoli relativi all’opzione di overallotment. Senza dimenticare che il prezzo di collocamento è stato fissato al minimo della forchetta indicata a inizio operazione.
Nel corso della cerimonia di presentazione della società a Piazza Affari, l'amministratore delegato di Fincantieri, Giuseppe Bono, ha difeso la scelta di quotazione e ricordato come fin dall'inizio la società aveva evidenziato come questa fosse un'operazione retail. Il manager ha sottolineato come Fincantieri fosse "un'azienda considerata fallita ma che i vertici hanno portato di nuovo tra i leader mondiali".

CONSULTA: Le quotazioni di Fincantieri

IPO FINCANTIERI, I RISULTATI DEL COLLOCAMENTO
fincantieri2Analizziamo nel dettaglio i risultati del collocamento di Fincantieri.
La società ha comunicato che nel corso dell’operazione sono arrivate richieste per circa 578,48 milioni di azioni, in rapporto a un’offerta finale di 500 milioni di titoli (compreso l'esercizio dell'opzione di sovrallocazione), pari a un rapporto di copertura (ammontare di titoli richiesti su titoli offerti) di 1,16. Prendendo in esame l’ammontare di titoli offerto inizialmente, il rapporto di copertura si riduce allo 0,82. I richiedenti sono stati 55.208.
Nel dettaglio, gli investitori istituzionali hanno presentato richieste per circa 177,74 milioni di titoli, in rapporto a massimi 563,2 milioni di titoli offerti inizialmente (compreso l'esercizio dell'opzione di sovrallocazione). Il rapporto di copertura è stato di 0,32. Di queste, oltre 109,2 milioni sono arrivate da 26 investitori italiani, mentre le restanti richieste per 68,53 milioni sono state effettuate da 35 investitori qualificati esteri. Sulla base di questa domanda, Fincantieri ha assegnato agli investitori 99,26 milioni di azioni (19,85% dell’ammontare complessivo dell’offerta - incluso l'esercizio dell'opzione di sovrallocazione – rispetto all’80% previsto inizialmente), ripartite in 84,53 milioni a 26 operatori italiani e in 14,73 milioni a 27 investitori esteri.
Dalla parte opposta, 55.147 piccoli risparmiatori italiani hanno richiesto circa 400,74 milioni di azioni, su un’offerta iniziale di minime 140,78 milioni di titoli. Il rapporto di copertura è stato di 2,85. Fincantieri ha soddisfatto tutti i 55.147 richiedenti, attraverso l’assegnazione di circa 400,74 milioni di azioni (80,15% dell’ammontare complessivo dell’offerta - incluso l'esercizio dell'opzione di sovrallocazione – rispetto al 20% previsto inizialmente).

IPO FINCANTIERI, AZIONI COLLOCATE A 0,78 EURO
La società ha debuttato a Piazza Affari a un prezzo di 0,78 euro per azione. Il valore delle azioni è stato fissato al minimo della forchetta indicata nel corso del collocamento, compresa tra gli 0,78 euro e un euro, a causa dello scarso interesse da parte degli istituzionali.
Considerato che il numero dei nuovi titoli emessi è stato ridotto da 600 milioni a 450 milioni di euro, Fincantieri ha potuto incassare nuove risorse per circa 351 milioni di euro (al lordo dei costi di quotazione). La società ha precisato che queste risorse serviranno per avere una struttura patrimoniale più solida e poter finanziare senza squilibri la crescita del gruppo.
Al contrario, Fintecna ha rinunciato a vendere le azioni. La società aveva previsto la cessione di circa 104 milioni di azioni, con l’obiettivo di incassare un ammontare massimo di 104 milioni di euro.

IPO FINCANTIERI, LA VALUTAZIONE
fincantieri4Sulla base del prezzo di collocamento e del nuovo ammontare di azioni offerte, la capitalizzazione iniziale di Fincantieri è stata pari a 1,32 miliardi di euro.
Prendendo in esame i risultati realizzati nel 2013 e il prezzo di collocamento, il rapporto tra prezzo e utile netto dello scorso anno sarebbe pari a 23,3. Il rapporto tra Enterprise value (dato dalla somma tra capitalizzazione post aumento di capitale e indebitamento stimato al termine dell’operazione) e margine operativo lordo del 2013 è pari a 4,7. L’Ev/Ebit, invece, si collca a 6,6. Nel prospetto informativo i vertici di Fincantieri hanno confrontato questi numeri con i multipli calcolati per aziende attive negli stessi settori di attività. In particolare, con riferimento alle società operative nei settori delle Navi Offshore e delle Navi Militari, il rapporto prezzo/utile di queste società varia da un minimo di 10,5 di Keppel a un massimo di 81,6 per BAE Systems, mentre l’Ev/Ebitda si colloca tra un minimo di 1,9 di Keppel e un massimo di 4,5 per Babock International.
Tutte le ultime su: fincantieri , ipo fincantieri
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »