NAVIGA IL SITO

Rimbalzino per Ferrari. Ecco i livelli tecnici da monitorare

di Edoardo Fagnani 11 set 2019 ore 17:36 Le news sul tuo Smartphone

ferrari-logo_1Ferrari in recupero di un punto percentuale, dopo aver lasciato sul terreno poco meno del 6% nella seduta di martedì 10 settembre. Il titolo del Cavallino Rampante ha guadagnato lo 0,95% a 138,85 euro.

Matteo Oddi di Exante ha segnalato che sulle azioni Ferrari sono arrivate le prese di beneficio degli investitori, dopo che da inizio anno il titolo ha incrementato il proprio valore del 70% e a luglio aveva aggiornato il massimo storico, fissandolo a 152,6 euro.

"A livello grafico su time frame giornaliero possiamo osservare come ormai da quasi due mesi il titolo Ferrari abbia iniziato una fase di ritracciamento a partire dai massimi a 152,6 euro; preoccupa in particolare ora la possibile rottura del supporto a 136,6 euro, livello che sta tenendo a galla il titolo e la cui rottura provocherebbe con tutta probabilità un’ulteriore accelerazione al ribasso", ha segnalato Matteo Oddi, che ha aggiunto “In caso di ulteriori vendite va monitorato l’importante supporto a 129 euro, livello che dovrebbe calamitare nuovi acquisti in caso di estensione del pullback”. Al contrario, secondo l’esperto le azioni Ferrari potrebbero incontrare un’importante resistenza a quota 148,5 euro, il cui superamento potrebbe proiettare il titolo verso il successivo obiettivo rialzista a quota 160 euro.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: ferrari
da

ABCRisparmio

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

Lotteria degli scontrini: come si partecipa (e si vince)

La lotteria degli scontrini è una delle manovre che secondo l’attuale esecutivo dovrebbe favorire il riemergere di una certa parte di sommerso. Vediamo cos’è e come funziona Continua »