NAVIGA IL SITO

Ferragamo, i conti del 2015. Sale il dividendo

Nell esercizio 2015, il gruppo Salvatore Ferragamo ha realizzato ricavi consolidati pari a 1,43 miliardi di euro. L’utile netto di pertinenza del gruppo è risultato pari a 173 milioni di euro

di Mauro Introzzi 17 mar 2016 ore 17:58

Nell esercizio 2015, il gruppo Salvatore Ferragamo ha realizzato ricavi consolidati pari a 1,43 miliardi di euro, in incremento del 7,4% a tassi di cambio correnti rispetto agli 1,33 miliardi registrati nei dodici mesi dell’esercizio 2014. A cambi costanti la crescita dei ricavi sarebbe stata pari all’1,4%

Il margine operativo lordo è aumentato del 11% nell’anno 2015, passando da 293 milioni di euro a 324 milioni di euro, con un’incidenza percentuale sui ricavi in crescita dal 22% al 22,7%. Il risultato operativo è passato da 245 milioni di euro a 265 milioni di euro, evidenziando un incremento del 8% e un’incidenza percentuale sui ricavi del 18,5% dal 18,4% dell’esercizio 2014.
ferragamo3L’utile netto di pertinenza del gruppo è risultato pari a 173 milioni di euro rispetto a 157 milioni registrati nell’anno 2014, segnando un incremento del 10%.

L’indebitamento finanziario netto si è ridotto passando da 49 milioni di euro, al 31 dicembre 2014, a 10milioni di euro al 31 dicembre 2015.

Il consiglio di amministrazione proporrà all’assemblea degli azionisti la distribuzione di un dividendo pari a euro 0,46 per azione ordinaria, rispetto ad euro 0,42 dell’esercizio precedente, pari ad un aumento del 10%. Il dividendo verrà posto in pagamento il 25 maggio 2016 con data stacco cedola il 23 maggio.

Tutte le ultime su: salvatore ferragamo , bilanci 2015 , dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Unisalute: cos'è e come funziona

Unisalute è una società assicurativa specializzata nella sanità. Fa parte del gruppo Unipol e gestisce numerosi fondi di assistenza sanitaria integrativa e casse professionali

da

ABCRisparmio

Carta del docente: a cosa serve e come si usa

Carta del docente: a cosa serve e come si usa

La Carta del docente è uno strumento per spese di formazione e aggiornamento professionale degli insegnati di ruolo in istituzioni scolastiche pubbliche Continua »