NAVIGA IL SITO

Enel, le caratteristiche del green bond con scadenza nel 2026

di Edoardo Fagnani 9 gen 2018 ore 20:04 Le news sul tuo Smartphone

enel-logoEnel ha comunicato che la controllata Enel Finance International ha collocato sul mercato europeo il suo secondo green bond, destinato ad investitori istituzionali e assistito da una garanzia rilasciata dalla stessa società elettrica.

L’emissione ammonta a complessivi 1,25 miliardi di euro e prevede il rimborso in unica soluzione a scadenza in data 16 settembre 2026. L’operazione ha raccolto adesioni per un importo superiore a 3 miliardi di euro, con una partecipazione significativa di Investitori Socialmente Responsabili e ha permesso a Enel di continuare a diversificare la propria base di investitori.

 

Il bond prevede il pagamento di una cedola a tasso fisso pari a 1,125%, pagabile ogni anno in via posticipata nel mese di settembre, a partire da settembre 2018. Il prezzo di emissione è stato fissato in 99,184%, con un rendimento effettivo a scadenza è pari all'1,225%.

I proventi netti dell’emissione saranno utilizzati per finanziare e/o rifinanziare, in tutto o in parte, gli eligible green projects di Enel individuati e/o da individuare.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: enel , bond enel

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »