NAVIGA IL SITO

Integrazione tra Enel ed Enel Green Power: è ufficiale!

L’operazione comporterà la piena integrazione delle attività rinnovabili all’interno del Gruppo Enel. Enel Green Power era sbarcata a Piazza Affari il 4 novembre del 2010

di Edoardo Fagnani 18 nov 2015 ore 07:49

Enel ha approvato il progetto di integrazione di Enel Green Power all'interno del colosso elettrico.

INTEGRAZIONE ENEL - ENEL GREEN POWER, LE CARATTERISTRICHE
Nel dettaglio, l’operazione sarà eseguita mediante una scissione parziale non-proporzionale di Enel Green Power per effetto della quale le attività italiane rimarranno in capo alla stessa Enel Green Power, che diventerà interamente controllata da Enel e conseguentemente verrà delistata. Inoltre, le partecipazioni estere, in capo a EGP International saranno assegnate a Enel. 
Di conseguenza, gli attuali azionisti di Enel Green Power riceveranno azioni di Enel di nuova emissione, con un rapporto di cambio di 0,486 azioni Enel per ciascuna azione Enel Green Power portata in concambio.

INTEGRAZIONE ENEL - ENEL GREEN POWER, LE MOTIVAZIONI
enel_18I vertici di Enel hanno spiegato i motivi dell'integrazione.
Il management ha segnalato che l’operazione comporterà la piena integrazione delle attività rinnovabili all’interno del Gruppo Enel.
Inoltre, l'operazione consentirà di accelerare la crescita del gruppo attraverso l’aumento della capacità d’investimento di Enel Green Power, permettendo di sfruttare al meglio la sua pipeline e la sua comprovata capacità di realizzazione, a cui si aggiunge una più profonda integrazione tra generazione rinnovabile, reti e mercato retail che permetterà di cogliere nuove opportunità di business sia nei mercati in crescita che in quelli maturi.
Il management di Enel vede anche la possibilità di uno sfruttamento di sinergie commerciali e finanziarie nei paesi in cui sono presenti sia Enel che Enel Green Power.

INTEGRAZIONE ENEL - ENEL GREEN POWER, LA TEMPISTICA
Le assemblee straordinarie di Enel e di Enel Green Power per l’approvazione del progetto di scissione sono state convocate per l’11 gennaio 2016, con l'obiettivo di perfezionare l'operazione entro la fine del primo trimestre 2016.
Al termine dell'operazione il Tesoro verrebbe a detenere il 23,569% del capitale della società.
Enel Green Power era sbarcata a Piazza Affari il 4 novembre del 2010.

Tutte le ultime su: enel , enel green power
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.