NAVIGA IL SITO

Elkann e l’extradividendo di Fca: “L’accordo con Psa scritto nella pietra” (La Repubblica)

di Redazione Lapenna del Web 21 mag 2020 ore 07:00 Le news sul tuo Smartphone

fca_4La Repubblica riporta l'attenzione sul tema dei prestiti garantiti dallo Stato alle imprese evidenziando le dichiarazioni di John Elkann, presidente di Exor, rilasciate agli analisti alla conclusione dell'assemblea annuale dei soci.

Secondo il quotidiano, il presidente del gruppo Agnelli avrebbe dichiarato, riferendosi al prestito rilasciato da IntesaSanpaolo ad Fca da 6,3 miliardi di euro e garantito dallo Stato, che "porta benefici al settore ed è coerente con quanto sta accadendo in altri Paesi". John Elkann farebbe riferimento agli ingenti finanziamenti concessi in Francia a tassi molto convenienti a Renault e Pegeout.

Il quotidiano evidenzierebbe come questa operazione potrebbe diventare particolarmente onerosa se il "governo introducesse una moratoria sull'incasso dei dividendi per due o tre anni. Questo metterebbe in discussione la distribuzione ai soci Fca dell’extradividendo legato, il prossimo anno, alla fusione con Psa, circa 5,5 miliardi di euro". L'extradividendo del prossimo anno, secondo il quotidiano, sarebbe la condizione essenziale per la fusione con Psa.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: exor , fiat chrysler automobiles , fca psa