NAVIGA IL SITO

La storia dei dividendi di Poste Italiane dal 2015

Da quando è quotata a Piazza Affari (27 ottobre 2015) Poste Italiane ha sempre distribuito un dividendo crescente ai propri azionisti. La società ha delineato la politica dei dividendi per i prossimi esercizi

di Redazione Soldionline 23 nov 2021 ore 11:06

poste-italianeDa quando è quotata a Piazza Affari (27 ottobre 2015) Poste Italiane ha sempre distribuito un dividendo crescente ai propri azionisti.

In particolare, con riferimento ell'esercizio 2020 la socuetà, quotata al FTSEMib, ha assegnato una cedola complessiva di 0,486 euro, pagata in due tranche: un acconto di 0,162 euro per azione distribuito a novembre 2020 e un saldo di 0,324 euro assegnato a giugno 2021.

 

Poste Italiane ha delineato la politica dei dividendi per i prossimi esercizi.

Nel dettaglio, con ricavi crescenti nell'arco del nuovo Piano Strategico “2024 Sustain & Innovate”, il management intende distribuire dividendi pari a 3 miliardi di euro, con un dividendo per azione in aumento del 35% nell’arco di piano.

Più nel dettaglio, Poste Italiane si è impegnata dal 2022 a un incremento annuale della cedola pari al 6%, in linea con l’aumento dell’utile netto, con una base relativa all'esercizio 2021 di 0,55 euro, in aumento del 14% sul 2020.

 

LEGGI ANCHE: I dividendi di fine 2021 e inizio 2022

 

Tabella - Dividendi Poste Italiane distribuiti ad oggi

Bilancio Dividendo Poste Italiane Note
2015 0,34 ---
2016 0,39 ---
2017 0,42 ---
2018 0,441 ---
2019 0,463 In due tranche
2020 0,486 In due tranche
2021 0,162 Prima tranche

IMPORTANTE: l'anno fa riferimento al bilancio su cui è stato calcolato il dividendo Poste Italiane e non alla metariale distribuzione della cedola, in quanto l'acconto e il saldo sono assegnati in due esercizi differenti.

 

Grafico - L'andamento del dividendo Poste Italiane dal 2015 (Fonte Poste Italiane e SoldiOnline.it; elaborazione SoldiOnline)

dividendi-poste-italiane-storico-novembre-2021

Tutte le ultime su: dividendi , poste italiane
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.