NAVIGA IL SITO

I dividendi 2020 di tutti i titoli della borsa italiana

Le tabelle dei dividendi in pagamento nel 2020 che i consigli di amministrazione di tutte le società quotate a Piazza Affari propongono alle assemblee dei soci a valere sui bilanci 2019

di Mauro Introzzi 20 feb 2020 ore 10:17

dividendi-2020-tutti-titoli-listinoEcco le indicazioni sui dividendi 2020 che le principali società della borsa italiana distribuiranno nel 2020 a valere sui bilanci dell'anno precedente, il 2019. Di seguito i link alle tabelle delle cedole 2020 di tutti i titoli del listino italiano, divise per panieri o in ordine alfabetico. Nei prospetti l'entità del dividendo, la data di stacco e di pagamento e quanto pagato l'anno precedente.

Si tratta di una rubrica da monitorare giorno per giorno visto che gli elenchi saranno aggiornati via via che le società comunicheranno le varie proposte.

 

Le tabelle dei dividendi 2020

I dividendi 2020 del FTSEMib

Tutte le cedole dell'indice principale della borsa italiana.

 

I dividendi 2020 del Ftse All-Share (lettere A - B)

Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera A e B, da Acea a Brunello Cucinelli.

 

I dividendi 2020 del Ftse All-Share (lettere C - F)

Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera C, D, E e F, da Cairo Communication a Fullsix.

 

I dividendi 2020 del Ftse All-Share (lettere G - O)

Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera G, H, I, J, K, L, M, N e O, da Gabetti a OVS.

 

I dividendi 2020 del Ftse All-Share (lettere P - Z)

Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera P, Q, R, S, T, U, V, W, X, Y e Z, da Panariagroup a Zucchi.

 

I dividendi 2020 delle azioni di risparmio

Tutte le cedole dei titoli di risparmio di Piazza Affari.

 

Ma come incassare i dividendi 2020?

Come incassare i dividendi 2020 delle società di Piazza Affari? Importante ricordare che il diritto a incassare il dividendo matura se e solo se si possiede l'azione nel giorno in cui il titolo stacca la cedola. Una data proposta all'assemblea dei soci - al pari della somma del dividendo - dal consiglio di amministrazione della società nel momento in cui i conti dell'intero esercizio sono approvati dal board. Che a sua volta gli azionisti devono confermare.

Quindi:

  • si ha diritto a incassare il dividendo se si vende il titolo nel giorno stesso dello stacco? Sì, in quanto nello stesso giorno il titolo quoterà già ex dividendo e l'operazione risulta neutrale;
  • si ha diritto a incassare il dividendo se si vende il titolo il giorno precedente allo stacco? No, non si avrà diritto ad alcuna cedola;
  • si ha diritto a incassare il dividendo se si compra il titolo nel giorno allo stacco? Anche in questo caso la riposta è no.

 

Facciamo un esempio di stacco dei dividendi

L'operazione di stacco di un dividendo è semplice ma con alcune peculiarità da conoscere. Vediamola con un esempio numerico.

Supponiamo che un titolo stacchi il suo dividendo lunedì 18 maggio 2020 e che la cedola sia pari a 0,2 euro per azione. Il titolo in questione ha chiuso la seduta precedente (di venerdì 15 maggio 2020) con una quotazione di 20 euro (con un rendimento da dividendo, ossia il dividend yield, dell'1%). All'apertura della seduta di lunedì 18 maggio 2020 le contrattazioni del titolo che ha staccato la cedola partiranno da un prezzo di 19,8 euro, pari alla differenza tra il prezzo della chiusura precedente e il dividendo staccato.

Questo vuol dire che chi acquista il titolo nel giorno dello stacco del dividendo non ha diritto a ricevere il dividendo, altrimenti l'operazione non sarebbe più neutrale.

Nel giorno di pagamento, infine, l'azionista riceve materialmente i soldi. Solitamente il giorno del pagamento è fissato 2 giorni dopo. Nel caso del nostro esempio mercoledì 20 maggio 2020.

 

Video - Dividendi, cosa sono e come funziona lo stacco:

 

I dividendi degli anni precedenti

Di seguito le pagine contenenti le tabelle dei dividendi degli anni scorsi. Da consultare per apprezzare l'evoluzione delle cedole dei titoli di proprio interesse.

 

I dividendi di fine 2019

I dividendi 2019 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2018

I dividendi 2018 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2017

I dividendi 2017 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2016

I dividendi 2016 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2015

I dividendi 2015 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2014

I dividendi 2014 di Piazza Affari

 

I dividendi di fine 2013

I dividendi 2013 di Piazza Affari

 

Domande e risposte sui dividendi

Cosa sono i dividendi?

I dividendi sono una parte degli utili di una società che viene distribuita ai soci.

Quando si matura il diritto a incassare un dividendo?

Il diritto a incassare il dividendo matura se e solo se si possiede l'azione nel giorno in cui il titolo stacca la cedola.

Se si acquista il titolo nel giorno stesso dello stacco si ha diritto a incassare il dividendo?

No, non si ha diritto a ricevere il dividendo, altrimenti l'operazione non sarebbe più neutrale.

Cosa succede al prezzo del titolo nel giorno dello stacco del dividendo?

Il titolo tratterà con un prezzo che incorpora lo stacco della cedola. Se il venerdì prima quotava 10 euro e il lunedì stacca un dividendo di un euro, il giorno dello stacco quoterà 9 euro

Quanto vengono pagati materialmente i dividendi?

Solitamente un paio di giorni dopo il giorno dello stacco.

Tutte le ultime su: dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »