NAVIGA IL SITO
Home » Ultime » Azioni Italia » Dividendi 2019: stime delle cedole dei maggiori titoli italiani

Dividendi 2019: stime delle cedole dei maggiori titoli italiani

Le stime di consensus sui dividendi 2019 per i titoli maggiori di Piazza Affari. Per la quasi totalità delle società si attende una cedola in rialzo

di Mauro Introzzi 20 set 2018 ore 12:00

Manca ancora decisamente tanto tempo (succede nella primavera dell'anno successivo a quello di riferimento) al periodo in cui i titoli quotati a Piazza Affari diffonderanno i dati di bilancio relativi all'intero 2018. Del resto mancano ancora alcuni alla fine dell'anno. Così, per conoscere l'entità dello stacco dei dividendi 2019 delle società del FTSEMib - inizialmente proposto dai rispettivi consigli di amministrazione e poi eventualmente confermati dalle assemblee - bisognerà aspettare ancora circa un semestre.

Tuttavia non è così impossibile avere un'idea di massima di quanto il proprio titolo (o i propri titoli) staccherà (o staccheranno) come cedola il prossimo anno. Basta guardare a cosa prevede il consensus degli analisti.

 

dividendi-2018-2Ecco - di seguito - le stime di consensus raccolte per voi da SoldiOnline.it per i titoli maggiori di Piazza Affari. Per la quasi totalità delle società si attende una cedola in rialzo. Tra gli altri dovrebbero aumentare il proprio dividendo 2019 Enel, Eni e Generali. E non è escluso dagli analisti che Fiat Chrysler Automobiles torni a distribuire una cedola.

Qualcuno confermerà invece il dividendo precedente, come potrebbero fare Campari, Leonardo, Luxottica o Saipem, mentre per qualche altra società il consensus prevede cedole in calo.

 

LEGGI ANCHE: Dividendi 2018 del FTSEMib

 

Ecco la tabella del consensus dei dividendi 2019 dei principali titoli italiani:

 

Titolo Dividendo atteso 2019 Dividendo 2018 (precedente) Tendenza
A2A 0,07 0,0578 +
Atlantia 1,36 1,22 +
Azimut 1,08 2 -
BancoBPM n.d. Non ha distribuito n.d
Banca Generali 1,3 1,25 +
Banca Mediolanum 0,39 0,4 -
BPER Banca 0,15 0,11 +
Brembo 0,23 0,22 +
Buzzi Unicem 0,22 0,12 +
Campari 0,05 0,05 =
CNH Industrial 0,22 0,14 +
Enel 0,28 0,237 +
Eni 0,83 0,8 +
EXOR 0,37 0,35 +
FCA 0,23 Non ha distribuito +
Ferrari 1,04 0,71 +
FinecoBank 0,32 0,285 +
Generali 0,9 0,85 +
IntesaSanpaolo 0,2 0,203 -
Leonardo 0,14 0,14 =
Luxottica 1,01 1,01 =
Mediaset 0,09 Non ha distribuito +
Mediobanca 0,49 0,47 (novembre 2018) +
Moncler 0,33 0,28 +
Pirelli 0,17 Non ha distribuito +
Poste Italiane 0,44 0,42 +
Prysmian 0,45 0,43 +
Recordati 0,91 0,85 +
Saipem Non distribuirà Non ha distribuito =
Salvatore Ferragamo 0,37 0,38 -
Snam 0,22 0,2155 +
Telecom Italia 0,01 Non ha distribuito +
Terna 0,23 0,22 +
UBI Banca 0,13 0,11 +
Unicredit 0,36 0,32 +
Unipol 0,17 0,18 -
UnipolSAI 0,14 0,145 -
Tutti gli articoli su: dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia per il lavoro: cos'è e come si richiede

Il certificato di malattia rappresenta il documento che attesta la temporanea impossibilità al lavoro. È redatto dal medico curante, il quale provvederà a inviarlo all’INPS Continua »

da

ABCRisparmio

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Pensioni: Quota 100 spiegata in pochi minuti

Quota 100 è un sistema che consente la possibilità di accedere alla pensione nel momento in cui la somma tra età anagrafica e contributi versati è pari ad almeno 100 Continua »