NAVIGA IL SITO

I dividendi 2015 della borsa italiana

Le tabelle dei dividendi in pagamento nel 2015 che i consigli di amministrazione delle società quotate a Piazza Affari proporranno alle assemblee dei soci a valere sui bilanci 2014

di Mauro Introzzi 12 mar 2015 ore 09:54

dividendi-2015Arrivano le indicazioni sui dividendi che le principali società della borsa italiana distribuiranno nel 2015. Di seguito i link alle tabelle delle cedole 2015, divise per panieri o in ordine alfabetico. Nelle tabelle l'entità del dividendo, la data di stacco e di pagamento e quanto pagato l'anno precedente.
Gli elenchi saranno aggiornati via via che le società comunicheranno le varie proposte.

DIVIDENDI 2015: LE TABELLE

I dividendi 2015 del FTSE Mib
Tutte le cedole dell'indice principale della borsa italiana.

I dividendi 2015 del Ftse It All-Share (lettere A - B)
Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera A e B, da Acea a Brunello Cucinelli.
 
I dividendi 2015 del Ftse It All-Share (lettere C - F)
Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera C, D, E e F, da CAD It a Fullsix.

I dividendi 2015 del Ftse It All-Share (lettere G - O)
Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera G, H, I, J, K, L, M, N e O, da Gabetti a Olidata.

I dividendi 2015 del Ftse It All-Share (lettere P - Z)
Tutte le cedole delle società che iniziano con la lettera P, Q, R, S, T, U, V, W, X, Y e Z, da Panariagroup a Zucchi.

I dividendi 2015 delle azioni di risparmio e privilegiate
Tutte le cedole delle tipologie di titoli di risparmio e privilegiati di Piazza Affari.

I dividendi 2015 delle azioni dell'AIM Italia
Tutte le cedole dei titoli dell'AIM Italia.

DIVIDENDI 2015: COME INCASSARLI
Il diritto a incassare il dividendo matura se si possiede l'azione nel giorno in cui il titolo stacca la cedola.
Se si vende il titolo nel giorno stesso dello stacco del dividendo si ha  diritto a incassare la somma, in quanto nello stesso giorno il titolo quoterà già ex dividendo e l'operazione risulta neutrale. Se invece si cede l'azione il giorno precedente lo stacco non si avrà diritto ad alcuna cedola. Come non si avrà alcun diritto al dividendo se si compra l'azione lo stesso giorno dello stacco.

borsa3UN ESEMPIO DI STACCO DEI DIVIDENDI
Supponiamo che un titolo stacchi il suo dividendo lunedì 18 maggio 2015 e che la cedola sia pari a 0,2 euro per azione. Il titolo in questione ha chiuso la seduta precedente (di venerdì 15 maggio 2015) con una quotazione di 10 euro. All'apertura della seduta di lunedì 18 maggio 2015 le contrattazioni del titolo che ha staccato la cedola partiranno da un prezzo di  9,8 euro, pari alla differenza tra il prezzo della chiusura precedente e il dividendo staccato.
Questo vuol dire che chi acquista il titolo nel giorno dello stacco del dividendo non ha diritto a ricevere il dividendo, altrimenti l'operazione non  sarebbe più neutrale.
Nel giorno di pagamento, infine, l'azionista riceve materialmente i soldi. Solitamente il giorno del pagamento è fissato 2 giorni dopo. Nel caso del nostro esempio mercoledì 20 maggio 2015.

I DIVIDENDI DEGLI ANNI PRECEDENTI
LEGGI ANCHE: I dividendi di fine 2014
LEGGI ANCHE: I dividendi 2014 di Piazza Affari

LEGGI ANCHE: I dividendi di fine 2013
LEGGI ANCHE: I dividendi 2013 di Piazza Affari

Tutti gli articoli su: dividendi
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
da

SoldieLavoro

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Reddito di cittadinanza (Rdc) 2019: a chi spetta, requisiti e importo

Il Reddito di cittadinanza è il nuovo sussidio contro la povertà. Lo si potrà richiedere dal 6 marzo 2019 e verrà distribuito a partire dal 27 aprile. Destinatari, requisiti e importi Continua »

da

ABCRisparmio

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

730 precompilato 2019: istruzioni per la compilazione

Il modello 730 precompilato 2019 sarà accessibile online dal 16 aprile. Può semplificare molte cose nella compilazione della dichiarazione dei redditi. Continua »