NAVIGA IL SITO

Da Eni a Stm, SuperEuro spaventa le imprese (Corriere della Sera)

di Mauro Introzzi 16 ago 2017 ore 08:04 Le news sul tuo Smartphone

euro-dollaro_14Il quotidiano, nella sua edizione del 15 agosto, evidenzia come in queste settimane sia tornato lo spettro dell'euro forte per le aziende europee che esportano all'estero. In queste settimane è stata sfiorata la soglia di guardia posta a 1,2 dollari oltre la quale, secondo gli analisti, si potrebbero avere ripercussioni negative per la crescita economica di Eurolandia e per le sue imprese, in particolare le esportatrici.

Il Corriere della Sera, che ha sentito anche degli esperti sul tema, ha scritto che se dovesse proseguire l’apprezzamento della moneta europea in Italia potrebbero soffrirne società come Eni (che registra il 65% delle vendite in dollari), ma anche Stm, Autogrill o Fca.

Società potenzialmente favorite dal cambio potrebbero essere invece Geox o Ovs, che hanno spese in dollari e vendono in euro.
I comparti immobiliare, utility e banche sarebbero più resistenti a un euro forte mentre quelli di sanità, farmaceutica, alimentari e bevande ne potrebbero risentire.

Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.
Tutte le ultime su: eni , stm

Guide Lavoro

Fattura elettronica, chi ha l'obbligo di emetterla e come deve adempiervi

La fattura elettronica è il documento fiscale telematico che deve essere emesso per la cessione di un bene o la prestazione di un servizio. Tutto quello da sapere

da

ABCRisparmio

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Bonus bebè 2020: come fare domanda, requisiti e importi

Dal 2020 possono usufruire dell’assegno mensile di sostentamento, meglio noto come “Bonus Bebè”, tutte le famiglie senza limiti reddituali Continua »