NAVIGA IL SITO

Creval, Crédit Agricole Italia lancia un'OPA

L’offerta prevede un corrispettivo interamente in denaro pari a 10,5 euro per ogni azione di Credito Valtellinese portata in adesione. Il prezzo incorpora un premio del 21,4%

di Edoardo Fagnani 23 nov 2020 ore 07:42

creval-logoCrédit Agricole Italia (società controllata per il 75,6% da Crédit Agricole) ha comunicato di aver lanciato un’offerta pubblica di acquisto volontaria totalitaria, con corrispettivo in denaro sulla totalità delle azioni di Credito Valtellinese (Creval).

 

L’offerta prevede un corrispettivo interamente in denaro pari a 10,5 euro per ogni azione di Credito Valtellinese portata in adesione. Il prezzo equivale a un investimento totale di 737 milioni di euro da parte di Crédit Agricole Italia per arrivare a detenere il 100% delle azioni dell'istituto quotato a Piazza Affari. Il prezzo offerto incorpora un premio del 21,4% rispetto al più recente prezzo ufficiale di Credito Valtellinese al 20 novembre 2020 e un premio del 53,9% rispetto al prezzo medio ponderato degli ultimi 6 mesi.

Crédit Agricole Italia ha segnalato di aver già ricevuto un impegno a vendere da parte di Algebris, per la sua partecipazione in Credito Valtellinese pari a circa il 5,4% del capitale, previa approvazione regolamentare.

Inoltre, nel contesto dell’offerta, Crédit Agricole Assurances (controllata di Crédit Agricole) venderà a Crédit Agricole Italia la partecipazione detenuta in Credito Valtellinese, pari a circa 9,8% del capitale.

Crédit Agricole Italia ha segnalato che, a seguito dell’ottenimento delle autorizzazioni regolamentari (attese nel primo trimestre del 2021), il documento di offerta verrà pubblicato, previa approvazione da parte della Consob, attesa per il mese di marzo/aprile 2021. La fine del periodo di offerta dovrebbero avvenire a maggio 2021.

 

Crédit Agricole Italia ha precisato che l’offerta sarà condizionata al raggiungimento di una partecipazione pari almeno al 66,7% del capitale con diritto di voto di Credito Valtellinese, con la possibilità per Crédit Agricole Italia di rinunciare a questa condizione purché abbia acquisito almeno il 50% + 1 azione del capitale con diritto di voto di Credito Valtellinese. Altre condizioni includeranno l’ottenimento delle autorizzazioni incondizionate da parte delle Autorità competenti in materia di antitrust e l’astensione da parte di Credito Valtellinese di qualunque misura difensiva (sebbene autorizzata dall’assemblea degli azionisti di Credito Valtellinese).

Nell’ipotesi in cui, all’esito dell’offerta, Crédit Agricole Italia venisse a detenere una partecipazione complessiva superiore al 90% del capitale di Credito Valtellinese, Crédit Agricole Italia non intende porre in essere misure finalizzate a ripristinare le condizioni minime di flottante per un regolare andamento delle negoziazioni delle azioni dell'istituto quotato a Piazza Affari. Questo comporterà la revoca delle azioni di Credito Valtellinese dalla quotazione.

In ogni caso, a seguito dell’offerta, ricorrendone i presupposti Crédit Agricole Italia intraprenderà le attività necessarie per procedere alla fusione per incorporazione di Credito Valtellinese, al fine di consentire un’effettiva integrazione delle proprie attività con quelle dell’istituto quotato.

 

Crédit Agricole ha segnalato che l’acquisizione di Credito Valtellinese da parte di Crédit Agricole Italia consentirà la creazione di un gruppo bancario italiano più solido che beneficerà della solidità finanziaria e del supporto, della competenza e della gamma di prodotti di uno dei gruppi europei più grandi ed affermati, con impatti positivi significativi sulla situazione economica dei territori interessati e nell’interesse di tutti gli stakeholder.

Nel dettaglio, con l’acquisizione di Credito Valtellinese, Crédit Agricole Italia ambisce a consolidare la sua posizione competitiva come la sesta banca commerciale nel mercato Italiano per asset e a diventare la settima per totale attivi e numero di clienti, raggiungendo una quota di mercato del 5% a livello nazionale.

Crédit Agricole Italia stima di generare un Return on Investment (ROI) di oltre il 10% entro il terzo anno, basandosi sulle sole sinergie di costo e di funding. Al termine dell’operazione, è stato stimato preliminarmente che l’impatto negativo dell’operazione sul Capitale primario di Classe 1 di Crédit Agricole rimarrà al di sotto di 20 punti base.

 

A settembre 2020, Credito Valtellinese ha totale attivi pari a 24 miliardi di euro (undicesima banca commerciale), di cui 16 miliardi di prestiti alla clientela e raccolta indiretta per 10 miliardi (dodicesima banca commerciale).

Inoltre, Crédit Agricole e Credito Valtellinese godono di forte collaborazione: Crédit Agricole Vita, la controllata italiana del gruppo operante nel business assicurativo vita, è il partner esclusivo di Credito Valtellinese nel business assicurativo vita.

Tutte le ultime su: credito valtellinese , opa
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »