NAVIGA IL SITO

UniCredit, i risultati del 3° trimestre e le stime per il 2023

L’istituto guidato da Andrea Orcel ha registrato ricavi e utile netto superiori al consensus degli analisti. Migliorate le stime per il 2023

di Redazione Soldionline 24 ott 2023 ore 13:28

torre-unicredit_1UniCredit ha comunicato i risultati finanziari del 3° trimestre 2023: l’istituto guidato da Andrea Orcel ha registrato ricavi e utile netto superiori al consensus degli analisti.

Di conseguenza, il management di UniCredit ha migliorato nuovamente le stime finanziarie per l’intero 2023.

 

UniCredit, i numeri del 3° trimestre 2023

UniCredit ha chiuso il 3° trimestre del 2023 con ricavi pari a 5,97 miliardi di euro, in aumento del 23,7% rispetto ai 4,82 miliardi ottenuti nello stesso periodo dell’esercizio precedente, beneficiando del forte aumento del margine di interesse (+45% a 3,6 miliardi di euro). Sempre nel periodo luglio-settembre i costi operativi sono scesi a 2,33 miliardi di euro; di conseguenza, nel trimestre il rapporto tra costi e ricavi si era ridotto al 39,0%.

Il risultato netto di gestione è aumentato a 3,51 miliardi di euro, rispetto ai 2,36 miliardi del 3° trimestre del 2022, scontando rettifiche su crediti per 135 milioni.

UniCredit ha terminato il periodo luglio-settembre con un utile netto sottostante di 2,26 miliardi di euro, rispetto al risultato netto sottostante positivo per 1,68 miliardi di euro contabilizzato negli stessi mesi dell’esercizio precedente; il risultato netto contabile è stato pari a 2,32 miliardi di euro (utile di 1,71 miliardi nel 3° trimestre del 2022). A questo proposito UniCredit ha precisato di aver optato per contribuire con 1,1 miliardi di euro alla cosiddetta imposta straordinaria sulle banche del 2024, destinandoli a riserve proprie non distribuibili.

 

UniCredit, quali erano le stime degli analisti per il 3° trimestre 2022

Stando alle indicazioni di consensus degli analisti pubblicate sul sito Internet di UniCredit, il margine di intermediazione era previsto a 5,74 miliardi di euro (valore medio), mentre il risultato netto di gestione era stimato a 3,11 miliardi di euro, dopo svalutazioni su crediti per 280 milioni di euro. Il consensus degli analisti indicava utile netto trimestrale di 1,84 miliardi di euro (valore medio).

 

I valori patrimoniali di UniCredit a fine settembre 2023

A fine settembre 2023 le attività finanziarie totali di UniCredit ammontavano a 758 miliardi di euro, in calo dello 0,3% rispetto al trimestre precedente ma in aumento del 5,3% su base annuale.

Alla stessa data le esposizioni deteriorate lorde erano pari a 12 miliardi di euro (-1,1% trim/trim e -13,1% a/a), determinando un rapporto tra crediti deteriorate lordi e totale crediti lordi pari al 2,7%. Sempre fine settembre 2023 il rapporto tra esposizioni deteriorate nette e totale crediti netti era pari all’1,4%, mentre il rapporto di copertura era sceso al 48,1%.

 

I ratio patrimoniali di UniCredit a fine settembre 2023

A fine settembre 2023 il CET1 ratio di UniCredit aveva raggiunto il 17,19%, principalmente per l’effetto positivo di 113 punti base dalla generazione organica di capitale. Alla stessa data le attività ponderate per il rischio erano scese a 290,1 miliardi di euro.

UniCredit ha segnalato che al 30 settembre 2023, il valore di bilancio delle esposizioni rappresentate dai “titoli di debito” ammontava a 102,3 miliardi di euro, di cui circa il 79% concentrato su otto Paesi; l’Italia, con 38,36 miliardi, rappresentava una quota di oltre il 37% sul totale complessivo.

 

UniCredit, le previsioni per il 2023

Il management di UniCredit ha migliorato ulteriormente le stime finanziarie per l’intero 2023, sulla base dei risultati trimestrali.

Per l'esercizio in corso i vertici dell’istituto prevedono ricavi netti per oltre 22,2 miliardi di euro e un utile netto superiore ai 7,25 miliardi. Il margine di interesse è stimato a oltre 13,7 miliardi di euro, mentre i costi totali dovrebbero risultare inferiori ai 9,6 miliardi di euro.

UniCredit prevede di distribuire agli azionisti oltre 6,5 miliardi di euro.

Inoltre, il management ha confermato l’intenzione di mantenere la redditività del 2024 in linea o superiore a quella del 2023.

 

UniCredit, qualche indicazione dalla conference call

Nel corso della conference call sui conti del 3° trimestre 2023 l'amministratore delegato di UniCredit, Andrea Orcel, non ha escluso che l’utile netto per l’intero esercizio possa superare ampiamente il target di 7,25 miliardi di euro indicato nelle previsioni per il 2023.

Inoltre, il manager ha anticipato che entro la fine dell’anno comunicherà la guidance puntuale per il 2024.

Tutte le ultime su: terzo trimestre 2023 , unicredit
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.