NAVIGA IL SITO

UBI Banca, i conti del primo semestre 2020

UBI Banca ha comunicato i risultati del primo semestre del 2020, che incorporano le evidenze immediate della pandemia che ha colpito l’Italia

di Edoardo Fagnani 3 ago 2020 ore 14:49

ubi-banca_1UBI Banca ha comunicato i risultati del primo semestre del 2020, che incorporano le evidenze immediate della pandemia che ha colpito l’Italia e ha portato al lockdown di molte aree e a un nuovo modo di operare, rispettando distanziamenti e nuove norme a tutela della persona.

 

UBI Banca, i conti economici del primo semestre 2020

UBI Banca ha chiuso il primo semestre del 2020 con proventi operativi pari a 1,8 miliardi di euro, in leggera flessione (-1,8%) rispetto agli 1,83 miliardi ottenuti nei primi sei mesi dello scorso anno. In particolare, il margine di interesse ha registrato una flessione del 9,3%, scendendo a 803,43 milioni di euro.

In contrazione anche il risultato della gestione operativa che è sceso da 640,51 milioni a 616,82 milioni di euro (-3,7%).

Il primo semestre del 2020 si è chiuso con un utile netto di 184,29 milioni di euro, rispetto ai 133,4 milioni dello stesso periodo dello scorso anno, in seguito a minori rettifiche di valore nette per deterioramento crediti verso la clientela (336,4 milioni di euro, rispetto ai 391,6 milioni del primo semestre 2019 che erano impattati dalla contabilizzazione di 112,1 milioni in relazione alla vendita di posizioni leasing e factoring in sofferenza).

 

UBI Banca, aggregati patrimoniali a fine giugno 2020

A fine giugno 2020 i crediti netti verso la clientela di UBI Banca si attestavano complessivamente a 83 miliardi di euro, in leggero calo rispetto agli 83,2 miliardi di fine marzo.

Alla stessa data lo stock di crediti deteriorati era pari a 6,57 miliardi in termini lordi, in calo di 269,8 milioni di euro rispetto al valore di inizio anno. L'incidenza sul totale dei crediti lordi si è ridotta al 7,48% (6,6% pro-forma se si tiene conto della cessione, attualmente in corso di lavorazione, di circa 800 milioni di esposizioni a piccole e medie imprese classificate in sofferenza) dal 7,8% di inizio anno. A fine giugno 2020, le coperture dei crediti deteriorati complessivi risultavano in crescita sia in termini di coperture contabili (al 40,52% rispetto al 39% a fine 2019) che includendo le svalutazioni (al 52,96% rispetto al 50,92% a fine 2019).

In termini netti, gli stock di crediti deteriorati erano scesi a 3,91 miliardi dai 4,17 miliardi di inizio anno.

L’esposizione del gruppo verso la BCE a titolo di TLTRO3 era pari a 12 miliardi di euro nominali.

 

UBI Banca, i ratio patrimoniali a fine giugno 2020

Al 30 giugno 2020, il CET1 ratio fully loaded si attestava al 13,41% (dal 12,29 di inizio anno). I principali benefici rilevati nel periodo sono riconducibili alla modifica delle disposizioni CRR2 (+34 punti base derivanti tra l’altro dal credit supporting factor) e alle riserve di valutazione OCI (+14 punti base).

Alla stessa data il Total Capital Ratio del gruppo ammontava al 17,84% fully loaded (era il 15,83% a inizio anno) e al 17,88% phased in (era il 15,88% a fine 2019).

Sempre a fine giugno il patrimonio netto dell’istituto, incluso l’utile, ammontava a 10,24 miliardi di euro.

 

UBI Banca, le stime per il 2020

I vertici di UBI Banca hanno segnalato che nel secondo semestre del 2020 l’evoluzione della gestione sarà influenzata dalle operazioni di carattere straordinario che IntesaSanpaolo porrà in essere a seguito dell’esito positivo dell’OPAS.

In assenza di queste operazioni e di una nuova emergenza Covid19, UBI Banca prevede la tenuta dei ricavi “core” (margine di interesse e commissioni nette) e il proseguire dell’attento controllo dei costi.

Il management ha segnalato che la dinamica del costo del credito sarà influenzata dal completamento della cessione massiva di sofferenze SME e dallo scadere, se non prorogate, delle moratorie concesse per aiutare la tenuta di famiglie e imprese.

Complessivamente UBI Banca prevede un utile netto positivo in grado di supportare dividendi in linea con le previsioni del piano industriale 2022 aggiornato.

Tutte le ultime su: ubi banca , primo semestre 2020
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.

Guide Lavoro

Chi e per cosa si può utilizzare NoiPA

NoiPA è la piattaforma digitale per la gestione del personale e degli stipendi del settore pubblico.

da

ABCRisparmio

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Cosa è e come si usa il cassetto fiscale

Il cassetto fiscale è un archivio online tramite il quale ogni contribuente può consultare qualsiasi informazione riguardante la propria posizione fiscale Continua »