NAVIGA IL SITO

Tiscali, i conti del 2018 e il piano al 2021

La società ha terminato lo scorso anno con ricavi in calo del 16% e un utile netto di 83,2 milioni di euro. Il piano industriale punta a definere un nuove percorso di sviluppo

di Edoardo Fagnani 3 apr 2019 ore 07:52

tiscali-logoTiscali ha comunicato i risultati del 2018, esercizio chiuso con ricavi per 172,8 milioni di euro, in flessione del 16% rispetto ai 207,6 milioni realizzati l’anno precedente. La società ha precisato che il portafoglio clienti è passato da 748,2mila clienti totali al 31 dicembre 2017 a 640,1mila clienti totali al 31 dicembre 2018. In forte contrazione anche il margine operativo lordo, che è sceso da 29,1 milioni a 20,5 milioni di euro (-29,5%). Al contrario, Tiscali ha terminato lo scorso anno con un utile netto di 83,2 milioni di euro, rispetto agli 0,8 milioni contabilizzati nel 2017, grazie alla plusvalenza netta di circa 130 milioni derivante dall’accordo siglato con Fastweb per la cessione della licenza per 40 MHz nella banda 3.5 GHz e del ramo di azienda Fixed Wireless Access (FWA).

A fine 2018 l’indebitamento netto era sceso a 152,6 milioni di euro, rispetto ai 179,4 milioni di inizio anno, grazie ai 50 milioni incassati dall’accordo con Fastweb (i restanti 80 milioni saranno versati entro il 30 giugno 2019). Sempre a fine 2018 il patrimonio netto consolidato era negativo per 44,7 milioni di euro.

Nell’intero esercizio gli investimenti sono stati pari a circa 19,3 milioni, rispetto ai 64,4 milioni del 2017.

 

Il management di Tiscali ha approvato anche il nuovo piano industriale per il periodo 2018/2021, che definisce il nuovo percorso di sviluppo per il gruppo, in condizioni di equilibrio finanziario.

Nel dettaglio, il piano industriale prevede la progressiva revisione del modello operativo aziendale, riducendo le attività di gestione diretta delle infrastrutture di rete e concentrandosi al contempo sempre più sulla capacità di sviluppo di nuovi servizi, sulle attività di Marketing e Vendita e sull’eccellenza nella gestione del cliente. Di conseguenza, Tiscali vede una forte riduzione degli impegni di investimento, in coerenza con il nuovo modello operativo e con il mutato portafoglio di attività gestite dall’azienda ad esito della cessione. Infine, la società punta all'ampliamento del mercato indirizzabile: questa strategia potrà svilupparsi su un mercato più ampio di quello precedentemente presidiato dal Gruppo Tiscali grazie ai benefici effetti dell’accordo wholesale sottoscritto con Fastweb.

Tutte le ultime su: tiscali , bilanci 2018
Questo scritto è redatto a solo scopo informativo, può essere modificato in qualsiasi momento e NON può essere considerato sollecitazione al pubblico risparmio. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all’uso delle informazioni ivi riportate.